L’arrivo in Ashram di Sai Baba “prashanti nilayam”

Quindi, due settimane dopo il mio licenziamento sabato mattina alle sette, sono arrivato all’Ashram. è arrivato con successo in un taxi a circa un’ora e mezza dall’aeroporto, siamo andati fuori lentamente dalla macchina mentre il tronco è stato già preso da facchini che aspettavano solo per la sua apertura e che siamo in grado di lottare per la nostra comprensione business. L’ho guardato stupidamente, sapendo che avrebbero dovuto pagarlo, ma non sapevo come liberarmene. Lena, apparentemente, era nello stesso stato. Di conseguenza, hanno sollevato il nostro singolo bagaglio al secondo piano e richiesto, a mio parere, non meno di 50 rupie. Come risultato della procedura, Lena ha dato loro solo 20, quindi erano terribilmente insoddisfatti. Così, nei primi minuti, abbiamo già affrontato impudenza di alcune persone locali che, a mio parere, considerati come il loro unico compito per ingannare gli stranieri e renderli più soldi, disprezzando e forse anche odiandoli, cioè noi (probabilmente, provavano lo stesso atteggiamento nei loro confronti). La buona notizia è che questa categoria di persone non è l’unica qui, e ce ne sono anche altre!

Ci è stato negato l’alloggio in una camera doppia con il pretesto della prossima vacanza, quindi abbiamo occupato la camera degli otto e siamo stati i primi. Il costo di un posto in una stanza del genere è magra, secondo me, di circa 35 rupie (23 rubli) al giorno. Apparentemente, era già vuoto da molto tempo, perché c’era molta polvere e, in generale, produceva una forma disabitata. Certamente, c’è ancora qualcosa dei precedenti proprietari, ad esempio, secchi, vasi, circoli economici.

Ho già cambiato il letto tre volte – cercavo quello giusto! Da quando ho deciso di scegliere il materasso, il primo letto che mi è piaciuto si è rivelato essere vicino alla finestra e alla porta e andare. Andai immediatamente a letto accanto, ma nella stanza più profonda, e allo stesso tempo, trascinai un materasso sopra. Devo dire che il materasso era impressionante: largo, dritto e duro, fatto di scaglie di cocco e, probabilmente, nuovo.

Ma la posizione di questo secondo letto era a disagio: sotto la trave, Lenin lato gamba, e nel corridoio, vale a dire in mezzo alla stanza. Pertanto, dopo aver dormito su di esso al mattino, mi spostai tuttavia nel letto più lontano nell’angolo della stanza vicino al bagno. Qui, mi andava bene a tutti gli effetti, soprattutto con il mio materasso già scelto! Tra l’altro, quando abbiamo lasciato questa stanza sette giorni più tardi, non ho mai visto tanta materasso in qualsiasi altro luogo, anche di più, mi sono imbattuto materasso terribile !!!

Quando arrivammo all’ashram, affrontammo due compiti globali: scambiare denaro e comprare biancheria da letto e vestiti appropriati. Non parlo nemmeno di mangiare e dormire, ma di arrivarci quasi un giorno. Ero convinto in seguito che si trattava solo i miei piani, piani di Lena, e le attività complessive dovesse andare in giro all’ashram, se ci fosse, per andare in città e per trovare dove c’era, e anche!

Andammo a fare colazione nella sala da pranzo europea e Lena mi portò al centro commerciale dello stesso ashram. Ho osservato in modo pazzo i suoi movimenti nel centro, dove tutto era estraneo e incomprensibile per me, e tutto il resto era in inglese! Si è presa cura di se stessa e del Punjabi, del sari e della biancheria da letto. Ho comprato solo la biancheria da letto perché mi sono reso conto che non ho davvero scelto niente di adatto a me e che non sono in buona forma.

Allo stesso tempo, noi, e penso in particolare gli indiani mi condannato e criticato le loro uniformi, il che era evidente non solo negli occhi, ma aggravato dal trattamento diretto di abusi.

Alla fine tutto questo mi colpì e provai terribile paura, nostalgia e disperazione perché non sapevo come uscire da tutto. Tutto sembrava aggressivo, incomprensibile, estraneo e spaventoso. Volevo nascondermi, non vedere e sentire niente.

Pertanto, quando, dopo il centro commerciale, Lena mi ha trascinato in cerca di vestiti al di fuori dell’ashram, mi voltò e andò in camera per riposare e, se riuscivo a dormire .

In una stanza su un bellissimo materasso, mi sono venuti in mente due pensieri, che mi hanno dato speranza e mi hanno aiutato ad acquisire sicurezza. Primo, se non capisco qualcosa, posso ancora ammetterlo. E in secondo luogo, se non mi piace qualcosa, posso sempre girarmi e lasciare questo posto.

Quindi, dopo aver visto Lena nel nuovo Punjabi e aver dormito, sono uscito con un orrore silenzioso nella città fuori dall’ashram. Porte diverse sono pensate per l’entrata e l’uscita, quindi devi prima trovare un’uscita adatta!

La strada della città è bellissima con urla, segnali acustici, folla di persone, traffico e rumore, oltre a un’abbondanza di segnali. Inoltre, sono tutti naturalmente in inglese, il che è assolutamente incomprensibile per quello a cui si riferiscono e dove è ciò che stanno informando.

I mercanti li spaventano urlando, urlando saluti in russo e allo stesso tempo il loro comportamento piacevolmente rilassato.

Dal momento che la banca dell’Ashram di sabato non funziona, quindi da alcune porte chiuse per un sonnellino (cioè nel nostro pranzo) con banca o ufficio di cambio, ho trovato uno scambio aperto e con grande sospetto per tali operazioni in un luogo scambiato denaro. Poi mi hanno quasi buttato alla Rs 900 quando volevo comprare una scheda SIM per il telefono. Volevo venderlo per 1.000 rupie e quando il mio cuore mi portava sempre fuori da questi corridoi decorati, si è scoperto che costava circa 100 rupie, mentre le tariffe proposte erano strane e non c’era scritto niente come una chiamata in Russia. Quindi, ricordando i miei pensieri salvifici, me ne sono andato senza comprare una carta SIM, dopo essermi scusato e aver detto che non avevo capito niente!

Poi ho deciso di andare al primo negozio, nel secondo, e ho sempre comprato cotone punjabi (pantaloni larghi e camicia lunga) e pantaloni di cotone – Alladins con una camicetta e, ovviamente, con una sciarpa di seta, altrimenti il ​​movimento è semplicemente impensabile! Infatti, a causa dell’assenza di questa famigerata sciarpa, il mio spirito e la mia moralità hanno subito simili attacchi da parte degli indiani, forse anche a causa dei miei 20 centimetri di caviglia scoperta.

A proposito, il commerciante, si potrebbe dire, parla molto bene il russo e la mia paura di non essere in grado di spiegare ciò che voglio in inglese non è stata giustificata questa volta.

Assolutamente felice, sono andato al corpo e gli indiani arrivati ​​hanno sorriso e mi hanno salutato “Sai Ram!”, Il che è stato molto bello!

Il negoziante del negozio disse che la sera alle sei poteva indicare dove comprare una carta SIM. Pertanto, Lena e io non siamo andati a Darshan Hall per il darshan serale (perché pensavo che non potevamo andarcene prima della fine del Darshan), ma eravamo seduti sul marciapiede dietro Darshan Hall, dove tutto è stato ascoltato ma nulla era visibile. Alla fine, non c’era sostanzialmente nulla da guardare, perché, come spiegò la donna russa seduta accanto a me, invece di Sai Baba, nessuno si rivolse alla gente. E dentro, leggono i Veda in sanscrito e cantano i bhajan.

Non avendo raggiunto la fine del darshan, Lena e io andammo a comprare le nostre carte SIM, sfidando tutte le regole riguardanti la necessità di foto, copie delle pagine del passaporto, permessi di lavoro.

Non ricordo quando sono andato per la prima volta al Darshan, probabilmente il secondo giorno del mattino e forse solo la sera. Ricordo che c’era una riluttanza ad andare lì e il desiderio di ritardare il più possibile questo momento. Ricordo anche, il primo giorno del nostro arrivo, rumori di lettura e canzoni fastidiose, che provenivano dagli oratori quasi tutti lungo l’ashram durante il darshan.

Curiosamente, dopo aver perso quasi nessun darshan, sia al mattino che alla sera. In un certo senso, ha anche detto a Dasha che non potevo sacrificare il darshan per qualcosa che lei mi ha offerto. Le voci degli oratori non erano più noiose, e se per caso non ero in quel momento all’interno del Darshan Hall, ricordo che a volte cantavo con quelle voci. Come cambiano le cose quando cambia il nostro atteggiamento nei suoi confronti.

Viaggio in moto in Sri Lanka
Viaggiare in India su una moto