Attraverso l’Africa in moto

“Assomiglieremo agli extraterrestri sulle piattaforme spaziali”, mi ha detto Alexey quando abbiamo scelto le biciclette. Come motociclista principiante, ho un Suzuki V- Strom di 650 cubi semplice e affidabile. Per me, Lech, un motociclista esperto, ha comprato la macchina più costosa, un KTM austriaco. Moto potenti come la sua prendono parte al rally Parigi- Dakkar . In un certo senso, sembrava davvero un alieno. Tutto in nero, con una faccia mascherata su un’enorme moto rossa, un formidabile futuristico Don Chisciotte, in rotta verso una guerra spietata con i mulini a vento, in cui questi ultimi non hanno possibilità.

Il nostro compito principale era guidare in Africa e fare foto e video di questo viaggio. Probabilmente non è interessante accettare questa avventura. L’Africa mi ha già mostrato il suo sorriso predatore. Sì, e su due ruote, ho tenuto a malapena – così tanto da superare la sabbia e impastare la terra! Ma il desiderio di “provare qualcosa di nuovo” è stato padroneggiato. Dopo gli scooter leggeri dell’India e del Sud-Est asiatico, sono salito su una potente motocicletta giapponese. Aveva persino un nome: ” Digger “, in onore di uno dei marchi dei nostri partner. Più tardi, ho battezzato la mia bici con un altro nome: “Abu el Khol “. Tradotto dall’arabo – “padre dell’orrore”. Quindi gli arabi chiamano la sfinge. Con il suo sguardo misterioso e senza passione, il mio “giapponese” sembrava davvero una sfinge con qualcosa, oltre a tutti i tipi di orrori che erano costantemente associati ad esso.

Così, una settimana dopo, sulla strada del freddo russo-ucraino, lasciammo il porto di Istanbul, da dove siamo stati portati a Odessa dal traghetto ” Southern Palmira”. La prima cosa che abbiamo visto in una strada affollata ci ha superato, un motociclista alla moda. – Wow, “enduro”! – Alexey era deliziato. Probabilmente non si aspettava di vedere nulla di più moderno dei risciò a Istanbul. Ma la città era semplicemente invasa da motociclette. – E quello, guarda, l’ultimo modello BMW! Sì, vale più della tua Suzuki!

Abbiamo girato le teste, scoprendo motociclette ovunque. Notato e “mio” Suzuki. Il suo proprietario ha tranquillamente attaccato un sacchetto cavolo un uomo bello in tono rosso scuro. Il turco ovviamente non stava andando al più grande viaggio in macchina della storia, era appena andato in un negozio di verdura. E sul ponte di Galata, abbiamo visto un bambino molto piccolo sullo stesso ponte di Alexei , Doroguschem KTM. Le strade brillavano con segni di negozi di auto. Motociclette di tutti i tipi erano indossate sulla strada: costose ed economiche, modernissime e antiquate. Per la maggior parte dei motociclisti, le loro mani erano protette da borse attaccate al volante e alla loro pancia da grembiuli, come i portieri. Tuttavia, il mese di gennaio è freddo, anche per la Turchia.

Dopo alcuni giorni ad Istanbul, ci siamo diretti a sud. Piuttosto in bordi caldi, dove neve, ghiaccio e vento freddo non spaventeranno. Sulla strada, Alexei ha sfondato il volante. Nel riparare il danno, abbiamo incontrato il motociclista locale. Salim ci ha invitato a casa sua: mangiare, riscaldarsi e guardare la TV con le ultime notizie da tutto il mondo. La notizia è stata brutta, come sempre: i pogrom in Kenya, le tensioni in Sudan, gli omicidi di stranieri in Algeria. Ed ecco la notizia locale: un uomo ha avuto un grave attacco cardiaco durante una preghiera in una moschea. Le persone intorno a lui se ne accorsero, ma i fedeli musulmani non osarono interrompere la preghiera. Un’ambulanza fu chiamata solo dopo la fine di namaz . Quando è arrivato il dispositivo di rianimazione, era già troppo tardi – l’uomo è morto.

Durante la notte nevicò, ma decidemmo di continuare il viaggio. L’asfalto gelava e il vento era molto forte. La mia bici girava, tremava e oscillava a angoli pericolosi. Su uno dei valichi ho notato un camion che giaceva in un fosso e coperto di neve. Smesso di fotografarlo. Faceva così freddo che, senza guanti, le dita si bloccarono immediatamente. La tormenta è iniziata. Ho rapidamente nascosto la macchina fotografica, ho camminato per 500 metri e … sono scivolato sul ghiaccio. La bici cadde di lato e scivolammo lungo la strada verso una deriva di neve sulla strada. Sono stato salvato da una tuta protettiva. La bici aveva un lampeggio rotto e un leggero danno al bagagliaio. Lech è entrato. Abbiamo sollevato una bici pesante, ma è stato spaventoso continuare. Una macchina della polizia si fermò vicino a noi: “Stai bene?” Non ero sicuro di questo, ma la polizia insistette affinché la strada venisse ripulita. senza neve e ghiaccio su di esso, “Va ‘in pace. aleikum assalam !

In effetti, dopo alcuni chilometri di asfalto asciutto, è iniziata e alla sera siamo arrivati ​​sani e salvi ad Izmir.

Nel sud della Turchia, è stato piacevole viaggiare: i templi di Efeso, le rovine di Mileto, le luci di Olympos . Abbiamo trascorso la notte in tenda. Di notte erano coperti di brina, ma credevamo – presto, molto presto, arriveremo dove non fa freddo.

Abbiamo guidato Beldibi , una stazione russa sulla costa del Mediterraneo. Lì incontrarono un meccanico di motociclette tedesco chiamato Federal . Il tedesco era una piccola azienda: noleggiava scooter ai turisti russi.

“I russi non possono guidare i motocicli”, si lamentò il governo federale. – Vieni ubriaco. Quanto costa $ 25? Oh, bene! Dico – “casco”! E loro – “no”. E poi bam ! Oh, la testa! E ho detto loro: “casco”!

Poi c’erano dei bei zigzag da Alanya a Mersin. E come ha fatto Lech a gestirlo con tanta cura? Sono sempre stato attratto dai margini o dalla pista in arrivo.

Nomi divertenti sono stati trovati nelle città che hanno sfilato: “Internet cafe Dunya “, “Shed-photo”, “Baran- Petrol “, “Ristorante botanico”. A Mersin guardai un cartello e non mi accorsi che la macchina proveniva da dietro. Sembra che gli specchi siano ancora mal regolati, così, dalla mia esperienza, ho avuto l’opportunità di imparare che cos’è una “zona morta”. Ecco quando guardi nello specchietto retrovisore, pensi che non ci sia un’auto nelle vicinanze, e in quel momento ti spinge da parte. Basta un piccolo sforzo per scoprire la durezza dell’asfalto turco.

La bici crollò e io fui trascinato lungo il marciapiede, squittendo, strappando una nuova uniforme. Una gamba cadde accidentalmente sotto una custodia di plastica e la accartocciò. Finalmente tutto si fermò. Sono riuscito a pensare: la gamba è rotta o no? Se è così, allora molto male. I pedoni si sono alzati, mi hanno portato con una moto. Un automobilista irrequieto sembrava chiedermi se stavo bene. Stavo bene e lui stesso è da biasimare per questo incidente: non guardava male negli specchi, non era attento. Con Alexey, siamo andati in un modo o nell’altro alla stazione di servizio più vicina. Abbiamo dovuto prendere un respiro. La strada era appena all’inizio e le prime cicatrici sono apparse sulla bici. Sì, ed ero preoccupato per la gamba che ha iniziato a gonfiarsi. Abbiamo guidato un po ‘di più, ma il dolore è diventato insopportabile e abbiamo dovuto chiudere l’autostrada per la città più vicina per trovare una farmacia. La gente del posto, dopo una breve spiegazione in turco spezzato, si immerse nel problema e ci portò in clinica. Infermiere ridicole mi hanno macchiato una gamba con un unguento slogato, hanno tirato una benda elastica e mi hanno consigliato diversi giorni per stare fermo e, se necessario, per alzarmi – per indossare un perizoma. Il piano della spedizione non era a letto. La strada chiama ulteriormente. Oh, e sarò bravo in un baule e una pantofola su una moto con i due indicatori di direzione rotte – un movimento motore nazionale invalido.

Fu deciso di trascorrere un giorno per trovare forza e salute. Fortunatamente, la città era appropriata per questo scopo. Il suo nome era Aji Su – “acque amare”. I pazienti provenienti da tutta la Turchia sono venuti per il trattamento di queste acque minerali “amare”. Abbiamo preso una stanza in una pensione economica e abbiamo passato l’intera giornata a mangiare, dormire e usare le acque curative che scorrevano vicino a noi da un tubo di metallo incastonato nel terreno. La notte successiva, ero quasi normale e potevo continuare il viaggio.

Tanzania
Viaggio in Africa : Kenya