Quinto giorno : Zlatoust e il suo ambiente geologico

La mattina presto abbiamo visto il sole alla finestra. Poi è scomparso.

Pioggia …

Al mattino volevo dei ricordi. Iniziato con un laboratorio di incisione. Krasiiiiivo . Ma costoso.

Ieri, mentre guidavamo in città, abbiamo visto un annuncio per una fabbrica di armi. Oggi siamo andati all’indirizzo fornito. Siamo arrivati ​​in macchina. C’era un laboratorio di taglio della pietra sul territorio della fabbrica e un numero di pietrame vicino alla recinzione. Tutto così non ci preoccupiamo con la mamma mezz’ora – raccogliamo pietre. C’è un tale diaspro! Ogni piastrella lucida: un’immagine e altro! Hanno preso molto, Lech ha giurato.

Ci hanno portato in fabbrica, c’era uno showroom, dove puoi comprare qualsiasi mostra che ti piace. Questo è dove i nostri occhi corsero! Particolarmente amato acciaio damasco – molto bello.

Certo, non se ne sono andati senza il coltello! Lech è felice: tutto va bene, puoi ancora andare a prendere le pietre.

Cava di marmo nei pressi del villaggio di Medvedka . Sì, no, non per il marmo 🙂 Avevamo bisogno di questo:

” Perovskite . Un gruppo di cristalli neri di habitus rombico dodecaedrico con facce di cubetti fino a 2 cm con ottaedri magnetite su una roccia skarn con clinochlore . Dimensione del campione: 16 cm. Cava di marmo nei pressi del villaggio di Medvedevka , 10 km a nord della città di Zlatoust . “Questi fottuti cubi (i” quadrilateri “, come li chiamava Anton) sono stati cercati per diverse ore in diverse parti della cava. E, cosa più importante, l’hanno trovato dopo tutto … Ma è risultato molto difficile creare un pezzo di questo da una roccia enorme. È quasi impossibile, dal momento che il martello geologico è stato lasciato in macchina. Camminarono, camminarono, scavarono, scavarono … Ne uscirono, ovviamente, una coppia, ma non gli esemplari del museo che avevamo sulla foto.

Ma Anton e Sasha rotolarono in abbondanza tra le montagne di sabbia di marmo! Quindi abbiamo a lungo cancellato questa sabbia bianca di scarpe, vestiti e sedili di bambini …

Il prossimo era Taganay . In generale, Taganay è composto da 3 catene montuose: Large, Medium e Small Taganay . E Taganay è un parco nazionale, dove le auto non sono ammesse. A piedi – per favore, molti percorsi, se lo desideri – per un giorno, parti se lo desideri – prendi uno zaino, una tenda e una settimana. Slazit come in montagna. Ma il tempo ha interferito e si è completamente rifiutato di camminare in quel momento Sasha.

Beh, almeno sulla diapositiva più piccola …

Andammo al cancello con la scritta “National Park”, andammo per le strade, o almeno chissà dove conduce la strada.

Si è scoperto che qui c’è persino un museo, che non funziona più. Una zia spirituale si è incontrata chi ci ha detto dove andare sotto la pioggia e la pressione del tempo, e ci ha anche venduto una bandana con una carta Taganaya (a cui Sanya ha detto che “non ci sono carte sul testa “).

Dei due percorsi proposti da zia, abbiamo scelto Black Rock, da cui, con il bel tempo, tutti i taganay dovrebbero essere chiaramente visibili. Ci sediamo in macchina, andiamo nel luogo specificato. Definiamo le coordinate del vertice dalla mappa del parco acquistato ai gi-pi-es – e stiamo andando avanti!

Ad un certo punto, la pista diverge in due. “Ecco!” Ordina Lech con sicurezza, guardando il computer. Andiamo lì allegramente. Cantiamo intorno alla palude. Sopra la pioggia. Gore non è visibile di fronte. Mi sento come se andassi giù. Niente, presto! Finalmente, saliamo sulla vera montagna! No, non entreremo … “Questo è tutto, Alenka (lo chiamiamo J-pi-es), siamo lì”, disse Lech cupamente. Guardato intorno – la palude intorno … Forse le coordinate sono imprecise? Abbiamo deciso di andare oltre, poi un po ‘di più … E poi il percorso è stato improvvisamente finito.

Torniamo al punto in cui i sentieri si sono accumulati. Il secondo tentativo ha avuto più successo . C’è un ascensore! venire !

Nei cespugli bagnati dal lato della strada, vedo i funghi, non riesco a passare, salire, raccogliere, far scorrere, funghi in mano. Scivolando … Anton con la nonna di fronte, non raccoglie funghi, hanno uno scopo: si arrampicano! Poi torna Antoshka – “Eravamo già al piano di sopra! È fantastico lì! Finalmente ci alziamo anche noi. Intorno a tutto nella nebbia, ma molto bella !

Terzo giorno : Radauti-Bran (dalla Bucovina alla Transilvania)
3471/5000 Secondo giorno: Kiev-Radauti (Romania)