Terzo giorno : Radauti-Bran (dalla Bucovina alla Transilvania)

Chilometri giornalieri 440 km.

Al mattino, la nonna e Antoshka hanno cercato di accendere la caffettiera trovata sul pavimento. Camminavano avanti e indietro con scatole di caffè o tazze d’acqua. Hanno causato un’inondazione e non hanno illuminato la macchina.

Abbiamo scoperto che l’adesivo, che non abbiamo comprato ieri, doveva essere perquisito nelle stazioni di servizio Petrom. Siamo arrivati ​​alla stazione di servizio, ha spiegato un lungo periodo di tempo, ma alla fine comprato questo Roviniete (questo?) Per 30 lei per 30 giorni.

Cercheremo i famosi monasteri della Bucovina, noti per le loro bellissime chiese all’aperto.

Atterriamo a Sucevice. È bello, cuore mio, bello! Passeggia attraverso il monastero, gli adulti ammirano la bellezza, i bambini si godono la libertà, corrono e urlano.

Di tanto in tanto, sulla strada per Moldovitsa, incontriamo cavalli che trasportano legna da ardere nei carri. Vogliamo davvero fare una foto ai cavalli. Lungo la strada, le cose vanno male – quindi abbiamo foto panoramiche del cavallo – testa, eppure la testa, la coda, una parte del carrello …

Hanno chiesto molti una sorta di geologia in geologia – Lech fermato al fiume con pavimentazione: “Raccogliere velocemente e andare!”. Non capisce la vera geologia …

Le chiese sono dipinte nello stesso stile di Sucevita – bellissima! Sulle pareti esterne dei monasteri – scene dipinte dalla Bibbia. Fino ad ora, è probabilmente misterioso sapere come questi affreschi hanno conservato i ricchi colori originali.

Voronets – il più popolare dei monasteri della Bucovina. Avanti – il mercato, cavalcare a cavallo, ci sono autobus con i turisti. Abbiamo dovuto pagare l’ingresso (3 lei a persona) – a proposito, Moldovitsa e Sucevita sono stati ammessi gratuitamente.

Con i ricordi in Romania, francamente, non molto … Tutti i tipi di … mediocre cinese. Sanya era in piedi al tavolo con le campane, la faccia triste. Conoscendo la sua testardaggine, capirono che non se ne sarebbero andati senza suonare un campanello. Ho comprato un campanello. Beh, Anton è sempre rimasto in macchina, ma anche qualcosa sarebbe stato urgente.

In Humor ha deciso di non chiamare, andare immediatamente ai vampiri. Avevano programmato di vedere Bran (vicino a Brasov), una fortezza di Rasnov, a Sinaia, dove avevano inizialmente previsto di montare – i castelli di Peles e Peleshor.

Lungo la strada, molte volte hanno guidato molti cesti di vimini per la vendita. Per cesti, la parte femminile dell’equipaggio non era indifferente – hanno convinto fermata Lech e abbiamo scelto uno. Comprato i soldi russi più belli per soli 150 rubli.

Prima di Transilvania, abbiamo guidato fino a sera cercando di cambiare i soldi a Brasov alle 7 08:00 (ora locale) – senza scambiatore non funziona. In lontananza, c’era una debole speranza – un supermercato, si precipitarono lì – si è rivelato essere un negozio come il nostro OBI. Abbiamo deciso di andare a Bran, dopo tutto, un posto turistico, e per l’euro di stabilirsi.

Non volendo mangiare … Si sentivano tutti i soldi rumena piegato per la raccolta – non molto … E ‘stato triste vedere il modo in drogheria …

In Bran è apparso in diversi hotel. Da qualche parte occupato, da qualche parte non va per una notte. Finalmente, in uno degli alberghi, siamo stati accolti da un simpatico vecchio zio. Gli parliamo del nostro problema in russo – annuisce, sorride, sente – non capisce niente. Siamo uguali in inglese – di nuovo, annuendo, sorridendo, il rumeno balbetta qualcosa, il risultato è zero. I gesti ci invitano ad entrare. Continuiamo il dialogo: la comprensione è sempre nulla.

Poi lo zio ha deciso di andare a prendere sua moglie. Alla fine, finalmente, pensavamo che lei probabilmente capisse il russo o capisse l’inglese! Sì, nifiga! Il colorato romeno ci ascolta e parola per parola ripetere tutte le parole di suo marito, ancora in rumeno, due volte più forte e allo stesso tempo gesticolanti freneticamente …

Alla fine, hanno capito, hanno abbassato il prezzo da 45 a 35 euro, sono riusciti a cambiare 100 euro, hanno lasciato i bambini con la nonna, è andato al supermercato e hanno finalmente comprato molto cibo.

2 tè + 2 caffè offerti gratuitamente dai proprietari = 15 lei.

Al mattino, i padroni di casa hanno scritto il nostro telefono e ci hanno spiegato che potevamo chiamare e venire da loro in qualsiasi momento. Pensiunea M & amp; Mr.

Per coloro che amano di sapere in anticipo dove andare: si può prenotare un hotel a Bran sul sito web o http://www.turistinfo.ro http://carta.ro/cazare-bran/

3471/5000 Secondo giorno: Kiev-Radauti (Romania)
Viaggiare in auto in Bulgaria: parte 2