Colonie irlandesi in Gran Bretagna

Dopo la partenza delle legioni romane dalla Gran Bretagna nel 410, la nuova era lasciò l’Inghilterra senza difese contro l’invasione irlandese. Ci sono molte prove – le colonie irlandesi del IV e V secolo. Una colonia particolarmente importante è stata trovata nel Galles sud-occidentale, nell’area attualmente delimitata da Pembrokeshire, Cambratenshire e Cardiganshire (ora Daged). I migranti di Leinster si fermarono lì. La colonia più piccola era nel Galles del Nord (Anglesey, Carnarvonshire e Denbyshire, ora Gwynedd e Clyde). I coloni irlandesi hanno dato i loro nomi ai territori catturati. La dinastia regnante del tempo a Leinster lasciò i suoi toponimi sulla penisola di Llane. Il nome “Port Dinallin” (nella baia di Nevin) significa letteralmente “Fortificazioni del porto di Leinster People”.

Un’altra colonia a sud della Cornovaglia è stata fondata da Wee Liatine. Potrebbe essere venuto dall’East Cork. Cormac, uno studioso irlandese del decimo secolo, vescovo e re di Cashel nella contea di Tiprereri, scrisse con orgoglio:

Il potere irlandese sulla Gran Bretagna era grande, e la Gran Bretagna era divisa in proprietà e gli irlandesi vivevano appena ad est del mare.In Irlanda, le loro case e castelli reali furono costruiti lì … E hanno mantenuto il loro potere per molto tempo, anche dopo l’arrivo di St. Patrick in Irlanda.

La Scozia è un altro esempio di espansione di successo. Sebbene in 83, Agricola vinse un’importante vittoria sui clan degli Highland, l’imperatore Domiziano gli proibì di andare nel nord della Scozia. Persino una indebolita resistenza romana ha impedito a Dalriade (Tolomeo di collocarla nel nord-est dell’Irlanda) di colonizzare la Scozia. Il processo, secondo la leggenda irlandese, ebbe inizio nel terzo e nel quarto secolo, ma è impossibile dirlo con certezza. Sappiamo solo che nell’anno 563, quando il grande predicatore irlandese Colombo arrivò in Scozia dall’isola di Iona, il regno di Dalriad si espanse: ad est aveva aree popolate da pict. E nel 9 ° secolo, questa dinastia ha unito tutta la Scozia al re Kenneth McAlpin.

Una delle conseguenze della colonizzazione è che le entrate ricavate dalle nuove colonie andarono alle guerre dinastiche nella stessa Irlanda. Un’altra conseguenza fu la logica romanizzazione della cultura irlandese, quando i pirati irlandesi furono messi in contatto con i resti di una civiltà romana in rovina. L’antica storia orale di Leinster mostra segni di prestito dal latino – “legione”, “tribuna”. Gli stranieri sono gli Oghams, che sono numerosi nel sud dell’Irlanda moderna. Si trovano anche in antiche tribune in Cornovaglia, nel Galles meridionale e settentrionale e sull’isola di Man. I primi monumenti scritti della lingua irlandese, basati su un sistema di linee e ganci presi in prestito dall’alfabeto latino, sono conservati sulle pietre.

L’articolo è stato inviato dal sito turisto.net – informazioni reali sul mondo del turismo e delle regioni, per turisti e operatori turistici.

Approccio filosofico al viaggio