Ho Chi Minh: un comunista rivoluzionario

Nella città pioggia pesante. Nascosto alla fermata dell’autobus sotto il ponte.

Il suono della pioggia è molto forte, sembra che la pioggia non possa essere ancora più forte, ma nei prossimi 15 minuti diventa sempre più forte. Una certa vibrazione del ponte e della terra è già sentita.

Ma, raggiunto il suo picco, la pioggia diminuisce piuttosto rapidamente.

Ho Chi Minh City.

Ora, poche persone conoscono i dettagli della “guerra americana”. La storia dettagliata della guerra va oltre lo scopo di questa storia, quindi per un’idea generale, l’informazione sarà data in modo semplificato.

Ho Chi Minh City prende il nome da Ho Chi Minh. Il vecchio nome della città era Saigon.

Ho Chi Minh è un comunista rivoluzionario, un eroe nazionale che ha combattuto per l’indipendenza del Vietnam dai colonialisti francesi.

Va notato che durante questa lotta, diversi milioni di persone sono morte nei vicini Vietnam, Cambogia e Laos.

Nella prima fase, Ho Chi Minh è riuscito a respingere le richieste della Francia a costo di smembrare il paese nel sud e nel nord del Vietnam.

Poi fu condotta una lotta partigiana, che divenne un confronto diretto con la superpotenza americana.

Il Vietnam del Nord e del Sud, furono divisi da 17 paralleli.

La guerra del Vietnam iniziò nel 1957, quando il sottosuolo comunista del Vietnam del Sud lanciò una lotta armata contro il governo di Ngo Dinh Din.

Dal 1959, le consegne di armi a Viet Cong (partigiani) dal territorio del Vietnam del Nord sono passate attraverso il territorio della Cambogia e del Laos.

Dal 1961, gli Stati Uniti sono stati direttamente coinvolti nelle ostilità. Nel 1965, mandarono un grande contingente militare nel Vietnam del Sud e lanciarono una campagna di bombardamento aereo nel Vietnam del Nord.

Nel 1968, la Casa Bianca non aveva trovato una via d’uscita da questa maledetta e invalicabile torbiera. Il prestigio internazionale degli Stati Uniti era inferiore al basamento.

Le proteste contro la guerra, anche negli Stati Uniti, si sono trasformate in atti di disobbedienza: negli scontri con la polizia, i manifestanti, i cittadini americani, hanno perso la vita.

Nonostante gli enormi costi della guerra e l’uso delle armi più moderne, l’esercito americano non riuscì a far fronte ai partigiani e subì perdite considerevoli. Secondo i dati ufficiali, 60.000 persone.

Nel 1973, gli Stati Uniti hanno cessato le ostilità nel sud-est asiatico. Nel 1975, la guerra si concluse con la vittoria militare del Vietnam del Nord e l’inclusione del Vietnam del Sud nella sua composizione, dando vita a uno stato vietnamita indipendente e unito.

Circa 8 milioni di tonnellate di bombe sono state sganciate in Vietnam, tre volte più degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale.

Il costo della guerra del Vietnam è raddoppiato rispetto alla seconda guerra mondiale.

C’erano così tanti frammenti di bombe che per decenni, un impianto metallurgico appositamente costruito ha lavorato alla raccolta di metallo.

Durante la guerra furono uccisi oltre 3 milioni di vietnamiti, inclusi 2 milioni di civili.

Un gran numero di civili sono stati uccisi in Laos e in Cambogia, che sono stati bombardati anche da parte degli Stati Uniti a causa dei sostenitori di rifornimento a sud del Vietnam attraverso il loro territorio. La massa totale di bombe sganciate su Laos, Cambogia e Vietnam è di circa 14 milioni di tonnellate.

All’inizio del 1965, i leader sovietici decisero di fornire assistenza tecnica militare al Vietnam del nord. Secondo A. Kosygin, presidente del Consiglio dei ministri dell’URSS, gli aiuti al Vietnam costarono all’Unione Sovietica 1,5 milioni di rubli al giorno durante la guerra.

Fino alla fine della guerra, l’URSS aveva fornito il Vietnam del Nord 95 antiaerei sistemi missilistici S-75 Dvina e più di 7500 missili e molte altre armi.

I vietnamiti costruirono modelli di razzi di bambù con tanta abilità che i piloti americani spesso li bombardarono e imposero il loro comando come un risultato reale.

Le statistiche approssimative su aerei americani abbattuti nel territorio del Vietnam del Nord sono i seguenti: – 2568 (60%) artiglieria antiaerea – velivolo 320 (9%) di combattimento – nel 1293 (31%) le forze missili antiaerei

Nel sud del Vietnam del nord, la larghezza del paese è solo da 40 a 80 km; molti degli aerei sono caduti sul territorio dei paesi vicini o in mare e non sono stati conteggiati.

Dopo le prime perdite causate dal sistema missilistico di difesa aerea, gli americani hanno preso contromisure. Il missile autoguidato Shrike è stato lanciato da un aereo americano per distruggere i sistemi missilistici antiaerei.

Stava camminando lungo il raggio radar della Dvina, e quando la colpì, una moltitudine di proiettili la rapì, colpendo soldati e veicoli.

All’inizio, l’esercito sovietico controllava complessi antiaerei. Secondo le cifre ufficiali in Vietnam, sono morti meno di 20 soldati sovietici.

Il metodo seguente è stato utilizzato per combattere gli Shriks: una volta rilevata e attivata la radiazione dell’antenna radar, è stata messa da parte o sollevata e la radiazione è stata disattivata. La gazza artigliata, seguendo il massimo della radiazione, si è messa da parte o in alto e, dopo essere stata estinta, ha perso il segnale della testa e è caduta di lato.

Ma dal giugno 1971 l’acciaio sarà usato con missili con un BLOCCO DI MEMORIA DELL’OBIETTIVO (in caso di improvvisa fine del radar). Tali tattiche costrinsero gli ingegneri missilistici vietnamiti a cambiare immediatamente la posizione del sistema di difesa aerea subito dopo la salva.

Il principale fardello dello scontro nell’aria era “sulle ali” dei due principali tipi di combattenti, il risultato dei combattimenti tra di loro e che determinava principalmente il corso della lotta.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, il caccia F-4 Phantom è stato il principale trasportatore pesante di due persone (peso normale al decollo superiore a 20 tonnellate). Era avversato dai MIG leggeri. All’inizio della guerra – MIG-17.

Il Mig-17 è una macchina subsonica, “più debole” del “fantasma” americano. Pertanto, sono stati utilizzati “agguati”, vale a dire:

I MiG-17 erano in servizio a bassa quota sulla rotta dei bombardieri americani, a causa della bassa quota dove non erano visti dai radar americani. All’avvicinarsi del MIG, i bombardieri li attaccarono all’improvviso.

I cacciatori di scorte che occupavano un corridoio aereo più alto spesso semplicemente non avevano il tempo di impedire a Migam.

Esercito vietnamita
Nel cortile del museo …