Nella regione di Irkutsk Taishet

Pubblicato il : 05 Aprile 20199 tempo di lettura minimo

Mi sono svegliato in una stanza in rovina alle 6:30. Si è scoperto che di notte la stanza era più “attraente” che alla luce del giorno. Ho fotografato la mia “colonia” per memoria. Lo zaino raccolto e non lavato è salito in pista. A quel tempo, nonno e nonna passarono davanti al vecchio Zhiguli . Mi hanno portato fuori da Taishet . Ho deciso di votare vicino all’incrocio. Nelle vicinanze c’era una fonte d’acqua, e riuscì a ubriacarsi, a lavarsi. Il voto non ha dato risultati, nonostante la posizione comoda. Ho notato che nel vicino villaggio le macchine giravano a sinistra. Ho camminato fino al bivio. Mi trovo in mezzo al villaggio. Voglio mangiare La gente del posto, seduta vicino alla porta, mi osserva incuriosita, come uno strano animale che è scappato dallo zoo. Alle otto e mezza non ce la facevo più e andai con una pentola al più vicino “osservatore” e gli chiesi di far bollire dell’acqua bollente. Il tizio si è offerto di mettere il bollitore, dicono, così in fretta. Ho accettato e ho detto che sarei andato a votare più a lungo e gli avrei chiamato quando il bollitore stava bollendo.

Alle 8:40 ha fermato il Volga andando a Nizhneudinsk . Agitando la mano al contadino che uscì con un bollitore, mi sedetti nella Volga, a stomaco vuoto. La strada asfaltata termina dietro al villaggio. Poi arriva il primer polveroso, in luoghi, disseminato di macerie. Intorno alla foresta, tutti gli alberi lungo la strada sono bianchi di polvere. All’improvviso inizia una nuova autostrada, a destra “autostrada”, con indicazioni e blocchi stradali lungo la strada su pendii ripidi.

Dalle 9:30 alle 10:00, ci siamo fermati in un caffè nuovo di zecca. Ho preparato purè di patate e tè, l’autista ha bevuto un caffè. L’asfalto è finito all’improvviso come è iniziato. Fino a Nizhneudinsk , c’era una strada sterrata, più o meno qualitativa. Alle 11:35, l’autista mi ha portato fuori città e mi ha fatto scendere alla stazione chiusa.

Io voto alla periferia della città. Ha cominciato a piovere, molti residenti estivi viaggiano. Dalnoboev non lo è affatto. Due ore dopo, mi siedo in una jeep e ritorno in città. Su mia richiesta, l’autista consegna direttamente alla stazione. Inserito il manager Dice: “Lì, sul terzo sentiero, c’è l’Irkutsk” postale “, via, prova.”

Sono andato a vedere il macchinista, ho esposto il problema e lui ha risposto:

– Sì, non posso indossare nessuno! Vaughn , scopri i leader, espulsi dal lavoro!

– Sì, nessuno lo saprà. Mi siedo sul pavimento e non mi vedrà.

– Qualcuno vedrà sicuramente come ti arrampichi e informi.

“Bene, per favore portami almeno alla prossima stazione, altrimenti dovrai passare la notte alla stazione …”

– No, non lo prenderò. Dai, esci, nelle macchine che chiedono i postini … Forse lo prenderanno.

I “mittenti” siedono alla porta aperta e fumano in silenzio.

– Buon pomeriggio . Sono un autostoppista che viaggia a Baikal senza soldi da Mosca. Prendi almeno Tulun .

– Cosa intendi! È “severamente” vietato persino permettere agli stranieri di entrare nella carrozza!

– E nessuno lo saprà.

– Sì, sì. Possiamo controllare in qualsiasi stazione. Non permesso!

Quanti non hanno convinto in tutte le auto, nessuno ha preso “sotto il timore di licenziamento”. Ritornato al direttore, bevendo tè. Prossimo trasporto in due ore. Nella strada nascosta. Gli spedizionieri sono cambiati. Bevo ancora il tè.

Ecco il treno merci tanto atteso. Ha applicato tutta la sua eloquenza, tutti gli argomenti a cui poteva pensare. L’autista in tutto! “Fired!” E questo è tutto. Dice

– Posso indossare solo con il permesso del responsabile del deposito. Hai questo permesso? No, e non può essere. Perché l’ordine del Ministero delle Ferrovie “I passeggeri non prendono!” Non riesco nemmeno a trasportare i ferrovieri.

– Ma ho già guidato. E non è successo niente.

– dove?

– Sì, anche a Taishet .

– Beh, probabilmente non è così rigoroso come il nostro.

– E se vado a capo del deposito e lui si risolve, prendi?

– Puoi andare lì. Solo lui non permetterà. Non ha il diritto di violare l’ordine dall’alto.

– Come trovare questo capo?

– Guarda, vedi, due persone con valigette e berretti. Vai con loro, chiederanno.

– Sto arrivando adesso.

La gente sotto forma di ferrovia, era anche una specie di capo. Sulla strada, mi hanno convinto che era inutile parlare con il capo del deposito, non può sempre mettere nessuno alla locomotiva.

Quindi ho deciso di cambiare lo scopo della conversazione. Mi è stato mostrato il capo deposito. L’ho fermato alla porta della finestra.

– Buon pomeriggio . Sono un autostoppista Cibo senza soldi da Mosca a Baikal . Volevo chiederti: per favore, consegna il premio alla brigata locomotiva, che viene ora inviata a Irkutsk dalla terza corsia …

-?!

“Ho cercato di convincerli a guidarmi per venti minuti …”

– È per niente. Abbiamo un ordine per l’IPU. Non puoi portare nessuno!

– Assolutamente. Mi hanno detto anche questo. Ecco perché ti chiedo di pagare loro il prezzo “Per l’esemplare esecuzione dell’Istruzione e la più forte disciplina …”

“Lo aggiusterò io stesso.”

– Capirai, certo, ma ti chiedo, è questa brigata …

… prego.

Sorpresi dalla nostra conversazione, i ferrovieri si stavano ammucchiando. Molti annuiscono, “Sì. Parlando correttamente … “e sorridendo.

Assicurandomi che l’effetto desiderato sia raggiunto, auguro al caposquadra “Buona fortuna al lavoro e buona fortuna nella mia vita personale!” Gli stringo la mano, saluto e parti per la città.

Tutto questo è ovviamente ottimo, ma presto di notte piove, ma non me ne sono andato da nessuna parte.

Sono uscito per le strade della città e non so dove andare. Nessun passante maltempo e crepuscolo. Fermo la Toyota bianca:

– Buona sera, non mi dirai da che parte partire per Irkutsk?

-?! Cosa cammini?

– No, sono un autostoppista. Vado a fare un giro.

– Ascolta, ho un bambino da dietro. Lo prenderò ora, non lontano da qui. E tu rimani qui, ti porto nel posto giusto.

– grazie Se solo qualcun altro in quel momento non mi portasse via …

– Aspetta, io istantaneamente …

Sono in piedi Sono bagnato

Di ritorno tra pochi minuti. Il cibo è caldo e confortevole. È un posto familiare sulla strada. Dico addio all’autista della Toyota. L’auto si gira e va in città.

Il post è già un giovane poliziotto. Va a casa al villaggio. Ne vale già mezz’ora. Bene, se il poliziotto non se ne andava, non brilla nemmeno!

Teneva dietro di sé, con tutte le regole dell’autostop. Dopo 15 minuti di esaurimento, la Volga salta in autostrada urlando gomme e spargendo il terreno. Mi chiedo chi è così di fretta? Il poliziotto, che conosce già tutte le macchine della città, commenta: “È locale, è lontano dall’andare”. Tuttavia, posso e non molto lontano, solo per cambiare posizione. Io voto

– Dove stai andando? – la voce di un ometto ubriaco. No, penso che non andrò con un ubriaco. In quel momento, un getto di acqua fredda scorreva lungo il mio collare e trascuravo le conseguenze, consolandomi che “non andava molto lontano” e che è possibile cambiare posizione.

– Sì, in generale, al lago Baikal.

– Da dove?

– Mosca, vado.

– Beh, tu dai! Haha Da Mosca ?!

– Raccoglili, quanti lungo la strada.

– Sì, sono qui nella città dei geologi del cibo, a soli 25 km di distanza.

– Beh, almeno un piccolo tour con te.

Siediti nel “Volga”. Immediatamente, allego , causando una tempesta furiosa di indignazione. “… Sì, sono un tenente colonnello della polizia! Ogni cane mi conosce qui. Ora sono in vacanza e bevo la seconda settimana. E non rimpiango niente! Lungo la strada, ci precipitiamo a meno di 110 anni, schizzando sporcizia e cani spaventosi. Siamo entrati nel villaggio. Io dico:

“Hai le luci accese?”

È già buio, la pioggia protegge il vetro e non ci sono luci.

– Sì, perché ho bisogno di luci, tutti sanno già che sto andando!

In effetti, molte persone, vedendo un “Volga” rombante, lasciano la strada in anticipo. Il tenente colonnello chiede a chi lavoro e dove.

“Ascolta”, disse, “ti porterò allo stesso artista ora, nel nostro villaggio. È pazzo come te. Va anche nei viaggi in kayak. Dovresti incontrarlo sicuramente!

– Andiamo da lui. Forse passerò la notte con lui.

“Ora visiterò un amico solo per un minuto …”

Sono rimasto in macchina e sono andato a trovare un amico. Partono insieme, il tenente colonnello mi punta un dito attraverso la finestra bagnata e dice a un amico che ha catturato una bestia rara e vanta:

– Ecco, vedi, non mento. Sulle giostre a Baikal.

amico:

-Beh, fammi vedere Stai davvero andando a Baikal ?

Bene, ora, probabilmente, taglieranno pezzi di lana per la memoria …

– O forse organizzeremo una visione collettiva? Ma l’intero villaggio sarà ora affrontato e considerato.

– No, ti porteremo all’artista ora. E poi, mi dispiace, vado a bere con un amico e oggi non andrò oltre.

Tre vanno all’artista. La sua casa ai margini del villaggio, vicino al fiume. Le finestre non brillano. Io dico:

– Beh, se va in campeggio, allora probabilmente è in campeggio adesso. Dopotutto, hai una breve estate qui …

– Sì, non hanno pensato … Beh, niente, ora ti porteremo in pista a breve distanza.

Un breve sentiero era una strada sterrata che si snodava tra gli alberi. “Volga” volava a luci spente, sui pendii fangosi e sui dossi, correndo tra i pini vicini in direzioni diverse. All’improvviso, abbiamo ruggito su un ripido pendio, arando il fondo dell’argilla, e ci siamo fermati alla fonte di luce.

La fonte di luce si è rivelata un caffè aperto 24 ore al giorno in una roulotte. Nelle vicinanze c’erano diverse macchine e … un poliziotto familiare. È l’incontro!

Durante l’ultima mezz’ora, ha guidato solo in questo bar. Fermati fino alle 19:00. C’erano le macchine, ma andavano solo in un bar. Qui tutti sono stati scaricati e sono andati a fare una passeggiata nel trailer. A mezzanotte ora locale, sono venuto per cena. Nessuno fu sorpreso dal mio aspetto, a quanto pare il tenente colonnello mi aveva già parlato di tutti. Tuttavia, nessuno si è offerto volontario per nutrirmi. (Brutto, Fleur, lo sai!) Anch’io ho dovuto chiedere acqua bollente e preparare pasta e tè. Dopo cena, andò nella foresta, attraversò una recinzione. Si sistemò una tenda vicino a lui e andò a letto alle 8 di sera.

Sulle locomotive – più veloce ?
Colonne di Krasnoyarsk

Plan du site