Terzo giorno a Houston

Oggi, finalmente incontrato un’altra Houston. Con il centro città. Con una metropoli, grattacieli, corridori e altri servizi. E lo stesso. Nonostante fosse tesa, con uno sguardo indipendente e cercando di non guardare negli occhi i passanti (quasi tutti afro-americani), si sentiva sempre amichevole e aperta. Maggioranza Qualcuno ha appena salutato un vecchio negro che è stato sorpreso di vedere dalla finestra del treno come ho calpestato a piedi (beh, nessun altro vorrebbe andare in centro (ci sono sei fermate nel treno) a piedi!) E, sorprendentemente, una ragazza così bella sta camminando. E tutto ciò che è stato detto così sinceramente e così amichevolmente che ho solo ringraziato, riso e camminato. Non aver paura delle persone, spesso ci immaginiamo il pericolo e l’ostilità degli altri. Certo, le aree che sono passate, il conforto e la pace nell’anima non hanno fatto. Graffiti, aree industriali, finestre intasate, discoteche, dove l’ingresso è “dal cortile”, gente mal vestita. E nel centro della città, ci sono molti fuggiaschi, vagabondi per le strade, donne stranamente vestite e piccole bande di adolescenti. In generale, amo molto il mio Houston: il quartiere in cui vivo è confortevole e tranquillo. La vita rumorosa della mega-città ha in qualche modo colpito l’anima, abituata al comfort e alla benevolenza. Ma nel bel mezzo di questo alveare attivo, c’era un’isola di calma e aria fresca: le mie gambe, già stanche dopo un’ora di cammino, si stavano dirigendo verso questo luogo. Sam Houston Historical Park. Un parco abbastanza piccolo, vecchie case pulite, un laghetto, una statua – un simbolo di tutti coloro che hanno combattuto per gli stati. E ancora, nessuno sulle piste. Ma mi aspettavo di più dal parco. Perché il museo non voleva andare lì, e sono appena tornato al mio “distretto dei musei” nativo. Ciò pose fine a questa incursione nella “grande luce”. Quindi è stato programmato di visitare il museo d’arte, un parco di sculture, un museo dell’Olocausto e andare al negozio per comprare cibo per domani. Ragazza ingenua! Nel museo d’arte, sono scomparso. Sono rimasto lì quasi fino alla chiusura. Si sentiva come una bambina a cui era stata data un’enciclopedia enorme e ben illustrata e, con il cuore in frantumi, trasformava le pagine e apriva il mondo passo dopo passo.

La pittura tedesca e olandese del sedicesimo, diciassettesimo e diciottesimo secolo mi ha conquistato. Non avrei mai pensato che questa volta sarebbe stato interessante per me (nel senso dell’arte), che questi artisti sconosciuti del mio nome sarebbero stati così trascinati da indurmi a fermarmi qualche minuto su ogni tavolo e sentire ondate di ammirazione e gioia ogni volta. I garofani nei loro quadri erano generalmente un simbolo del matrimonio; amavano descrivere certi strati sociali, le loro vite – per esempio “Rural Vacations”, l’immagine di stagni invernali e ghiacciati – uno degli argomenti più popolari, ma così diversi: qualcuno al centro l’attenzione della gente, e le loro differenze tra di loro, qualcuno – la natura e le nuvole. “Cabinet of Curiosities” o “scatola dei miracoli” e, a nostro parere, una kunstkamera. “Dove l’arte e la natura giocano insieme”. Sarebbe un … un quadro in miniatura, una bussola insolita, un sacco di miniature, cose incredibilmente belle. Lucrezia, che si è suicidata dopo uno stupro – antica storia romana. Fu toccata dalla storia di un quindicenne San Venanzio che divenne cristiano e, per questo motivo, fu gettato via dal muro. Insolito per il suo tempo, l’immagine di questa storia – allo stesso tempo, l’immagine cattura il momento di lasciarlo cadere dal muro e il momento è solo trascinato a morte. Un’altra interpretazione insolita di scene famose – San Sebastián – Mi sono abituato a vederlo con un sacco di frecce e ferite nel corpo e una faccia distorta dal dolore. E qui, Simon Voyuet è un giovane femminile (così femminile che non ho letto la firma, avrei pensato che fosse una donna) che tiene in mano una freccia e la guarda così teneramente. Fu toccata dalla storia di un quindicenne, San Venanzio, che divenne cristiano e fu gettato via dal muro. Insolito per il suo tempo, l’immagine di questa storia – allo stesso tempo, l’immagine cattura il momento di lasciarlo cadere dal muro e il momento è solo trascinato a morte. Un’altra interpretazione insolita di scene famose – San Sebastián – Mi sono abituato a vederlo con un sacco di frecce e ferite nel corpo e una faccia distorta dal dolore. E qui, Simon Voyuet è un giovane femminile (così femminile che non ho letto la firma, avrei pensato che fosse una donna) che tiene in mano una freccia e la guarda così teneramente. Fu toccata dalla storia di un quindicenne, San Venanzio, che divenne cristiano e fu gettato via dal muro. Insolito per il suo tempo, l’immagine di questa storia – allo stesso tempo, l’immagine cattura il momento di lasciarlo cadere dal muro e il momento è solo trascinato a morte. Un’altra interpretazione insolita di scene famose – San Sebastián – Mi sono abituato a vederlo con un sacco di frecce e ferite nel corpo e una faccia distorta dal dolore. E qui, Simon Voyuet è un giovane femminile (così femminile che non ho letto la firma, avrei pensato che fosse una donna) che tiene in mano una freccia e la guarda così teneramente. quando viene trascinato fino alla morte. Un’altra interpretazione insolita di scene famose – San Sebastián – Mi sono abituato a vederlo con un sacco di frecce e ferite nel corpo e una faccia distorta dal dolore. E qui, Simon Voyuet è un giovane femminile (così femminile che non ho letto la firma, avrei pensato che fosse una donna) che tiene in mano una freccia e la guarda così teneramente. quando viene trascinato fino alla morte. Un’altra interpretazione insolita di scene famose – San Sebastián – Mi sono abituato a vederlo con un sacco di frecce e ferite nel corpo e una faccia distorta dal dolore. E qui, Simon Voyuet è un giovane femminile (così femminile che non ho letto la firma, avrei pensato che fosse una donna) che tiene in mano una freccia e la guarda così teneramente.

“Allegoria del mondo” stupito (Advent Gelder – allievo di Rembrandt) – una ragazza sorprendentemente dolce e ingenuo, con una faccia sincera e aperta, un sorriso che ti fa sorridere – vivo, pulito, allegro. Eccezionalmente per questo momento. Un’incredibile mostra su Parigi del XVIII secolo: vita, morale, giochi, intrattenimento, casa, vita, palle e altro. Ogni stanza è una nuova scoperta. Una mostra professionalmente composto – un sacco di informazioni molto interessante, ma non i dettagli troppo sorprendentemente selezionati – per esempio, nella foto, una ragazza si siede con una piccola scatola per i cosmetici, che non sarebbe visibile se si non pensarci E così, era cerchiato e accanto alla finestra, simili cassetti, perché la stanza parlava del passaggio dei bagni. Assolutamente affascinato dal gioco d’azzardo austriaco con le sue carte di backgammon in ceramica dall’eleganza sorprendente e le casse fragili per la conservazione. E in generale, è curioso – quali giochi hanno giocato in seguito? Sono rimasto impressionato dall’immagine di Harlem – sembra che sia ora di andare in Germania … Una scoperta divertente – si scopre che la parola “rossetto” viene dalla mela francese – una mela, perché in un momento in cui il rossetto non era usato per le labbra, ma per un’acconciatura, i capelli non sfuggivano. era composto da grasso animale e succo di frutta, come una mela! E poi hanno iniziato ad aggiungere componenti di colore al mix, come la linfa delle radici di piante o bacche, per colorare le parti del corpo e il viso che non avevano la giusta tonalità. Ma la parola “toilette” viene dalla tela francese, che significa tela, tessuto,

Ma all’inizio c’era una mostra “Regali” sulla tradizione dei doni nel mondo islamico. Mi sono di nuovo immerso nell’amato potere del mistero e della misteriosa bellezza dell’Oriente. Abbellimenti, tessuti ricamati, immagini sugli intrighi di pascià, eroi, mogli e concubine, errori e perdono, dignità e grandezza. E, naturalmente, reliquie, spiedini per bomboni, oggetti sacri, iscrizioni in arabo e tappeti da preghiera. E l’insolita fine è il ricordo di persone che un artista iraniano, che è stato deportato in Iraq da bambino, ha perso la vita. Cornice a specchio per ricordare che puoi essere qui.

E l’ultima mostra è stata un vero regalo. Sì, ho pagato quanto avrei pagato per tutti i musei in cui mi trovavo. Ma ne è valsa la pena. Era una mostra su Tutankhamen, proprio su ciò che ho scoperto di recente. Dai suoi bisnonni, padri e altre dinastie, dalla corte del Faraone, dalla storia dei Faraoni, dall’Egitto, da gioielli e simboli, da dei e coleotteri, da vivi e da morti, e da morto del regno. E poi c’era la sua tomba. Per la prima volta, ho visto con i miei occhi, a pochi centimetri dalla mia faccia, cose così stimolanti e attraenti nelle pagine di libri e nei film. Questa mamma Questi sarcofagi e maschere, scarabei e gioielli, amuleti e teste di sfinge, una scatola in cui sono stati conservati gli organi interni della mummia. E film su scoperte e indovinelli, soluzioni e credenze antiche, storia e donne. La parola “Faraone” deriva dall’ebraico, dove significa “casa grande”. Storie riguardanti l’Egitto superiore e inferiore e il copricapo del faraone. Faraoni femminili con simboli maschili di potere. Hutshepsut e non solo lei. Una scoperta sorprendente – statue di estranei con baffi e pose diverse – mai viste dai faraoni e dal loro entourage, ma solo dagli operai. Chi sono – Inty-Shedu?

Ha portato dell’oro egiziano. Forse è un divorzio per gli americani con i soldi. Ma è così che inizia la mia “scatola dei miracoli”.

Per strada, come se uscisse dalla segreta di una fiaba e di un’altra vita. Come trasferito nel tempo e nei paesi, senza conoscere i confini. E in cinque ore ho visto il mondo intero. Hmm, le cinque? E non me ne sono nemmeno accorto … Per molto tempo, il museo non si sentiva in quel modo. Ma le gambe mi fanno ancora male. Anche se nulla – domani tutto il giorno per sedersi sulla strada.

Fourth Day Houston Road a New Orleans
Un’altra scoperta