I piaceri dell’Ashram di Sai Baba

Durante il nostro soggiorno all’ashram, siamo andati diverse volte alla piscina, che è stata costruita non molto tempo fa – circa due anni fa. Ma ancora nel suo quartiere, proprio accanto alla piscina è in costruzione: una casa è in costruzione, forse un hotel. C’è una piscina di ashram, probabilmente circa 10-13 minuti di autorickshaw , alla fine di uno strano tipo di piantagione, molto simile a un parco o ad un giardino abbandonato. D’altra parte, c’è una scuola locale, come puoi vedere i bambini, che corrono selvaggiamente con le urla.

Ci sono poche persone in piscina. Ciò è dovuto principalmente alla cultura degli indiani, che ritengono che il maggior grado di indecenza sia quello di indossare un costume da bagno, nonché un afflusso non molto importante di stranieri rispetto agli anni precedenti. Per questo motivo, hanno persino chiuso il ristorante e comprato del succo di frutta a bordo piscina. Certo, gli stranieri visitano la piscina, ma ci sono anche gente del posto: o giovani che hanno deciso di guardare mentre ammirano le donne bianche “nudi”, o coppie sposate di livello di potere che lavano i loro bambini. In quest’ultimo caso, i bambini cadono in piscina, il marito si siede vestito o vestito a metà sulla spiaggia, mentre sua moglie è completamente vestita sulla spiaggia. Se la coppia è molto calma, quando appaiono le donne bianche, la famiglia si veste velocemente e lascia la piscina a testa in giù, facendo tutto il loro aspetto per mostrare che le persone oneste non ci sono più.

Come risultato di tutto ciò, scoppiano guerre invisibili tra locali e stranieri: non rispettano le nostre abitudini, ma iniziamo a mostrare mancanza di rispetto e disprezzarli. Questo è particolarmente evidente in alcune donne relativamente giovani con molti complessi, ma nessuna compagnia. Quando una persona è in una compagnia, ha un mare profondo fino alle ginocchia, ma quando è sola o single, o, per esempio, solo con i bambini, e i giovani ragazzi indiani nuotano in piscina, queste donne stanno già esprimendo Frasi razziste imparziali: che con CES, avrebbe disprezzato di nuotare nella stessa acqua.

Anche se, come ero convinto, tutto dipende, come sempre, dalla nostra attitudine: se non avessimo avuto una tale mancanza di rispetto, i ragazzi ci avrebbero incontrato solo una volta, proprio quando famigerata madre russa ha ammesso con due figli adolescenti, che dicono, mai spogliati, non che bagnati. Anche se, naturalmente, non è stato molto piacevole apprezzare lo sguardo bruciante degli uomini e delle donne indiane, e vorrei evitarlo. Ma è il loro paese, i loro costumi, e penso che dovremmo rispettare i loro punti di vista. Certo, vorrei che le nostre usanze venissero rispettate, soprattutto perché andiamo solo in costume da bagno nel luogo designato per questo e da nessun’altra parte. E inoltre, la piscina è stata costruita appositamente per questo, e non eravamo noi a costruirlo, ma gli stessi indiani. Ma come si suol dire: c’è del lavoro da fare.

E l’acqua della piscina è semplicemente magica: calda per l’orrore! Ti diverti molto, specialmente se fa caldo in strada e se ti rilassi in un modo speciale, in India …

Dopo che il mio intestino era sconvolto, dopo diversi giorni difficili, andavo sempre alla clinica ayurvedica per vedere il dottor Rao. Anche lì, mi è stato dato un massaggio “per calmarmi”, come ha detto il dottor Rao. Naïve, pensavo che il massaggio avrebbe toccato solo la testa, ma no, prima hanno massaggiato tutto il corpo per 30 minuti, coprendolo con olio, poi 45 minuti, hanno versato olio caldo sul fronte con l’aggiunta di acqua da qualche pera appesa sopra la testa. Questa pera viene delicatamente spostata a destra e a sinistra e l’olio viene depositato uniformemente sulla fronte.

Alla fine, l’olio è sepolto nelle orecchie, nel naso, lascia respirare il fumo e risciacquare la gola. Quindi tutto il corpo viene lavato con un liquido simile all’henné divorziato. Inoltre, l’olio viene rimosso dal corpo. E i capelli già lavano il solito shampoo. La clinica ha l’acqua calda, quindi è molto piacevole lavarsi, soprattutto dopo l’olio bollente.

E dopo essere stata lavata, la tua testa è fumigata con un leggero fumo e, come una donna indiana ha detto alla mia domanda “Cos’è?” – “È un ottimo fumo!”

Una sessione è a buon mercato secondo i nostri standard, da qualche parte intorno a 460 rubli. Certamente, il ragazzo non ha mai “scambiato”, vale a dire arrendersi, e il massaggio può costare improvvisamente di più.

La prima volta, non conoscendo l’intera procedura, non essendo stato preparato fisicamente e materialmente (non c’erano asciugamani o shampoo), ero scioccato. Ma poi, nulla è usato e apprezzato.

Il dottore ha raccomandato sette interventi, ma dopo aver praticato quattro anni, ho sentito che il mio viso era gonfio e la pelle del mio viso era rossa e ruvida. Ero perplesso e apparve per la prima volta al nipote del dottore, che mi disse che non poteva vedere. Ero ancora più perplesso. Il giorno dopo, sono andato a vedere il dottore lui stesso. Avendo pizzicato il mio zigomo, disse che era normale per una donna: il giorno dopo il mio sonno, “nuotavo un po ‘” sotto i miei occhi (infatti, avevo un gonfiore di zigomi e guance). Allo stesso tempo, ha bloccato tutto ciò che suo nipote aveva scritto sul mio benessere e ha scritto “NO!” In lettere enormi con una penna rossa. Mi resi conto che la mia perplessità era solo un mio problema e che con la mia conoscenza dell’inglese non avrei ottenuto nulla da loro. E quando lui, spiegando qualcosa a suo nipote per un lungo periodo, dice che gli dicono, prendilo, ha paura, ho capito tutto! Me ne sono andato

Mi resi conto che il massaggio mi aveva davvero avvantaggiato e che ogni tipo di spreco era venuto fuori da me. Ciò accade spesso con il trattamento di mezzi non tradizionali, come l’omeopatia e la terapia di biorisonanza . Inoltre, la mia mente ha lavorato molto attivamente, nonostante tutti gli sforzi per farlo addormentare. Ed è stato lui a farmi pensare a una donna kazaka, che si è gonfiata negli occhi dopo aver applicato l’olio del Dr. Rao. Ha avuto dolore e si è lamentata con tutti, e ha costretto Dasha ad accompagnarla alla clinica in modo che potesse tradurla.

La mattina dopo, con la speranza nella sua voce, chiesi a Katya se vedeva il mio gonfiore? Guardami , Katya izrekla che io sono superbo! A questo punto, le stelle si avvicinarono e mi resi conto che non avevo più bisogno di un edema. Avevo dormito tranquillamente il giorno successivo e, nel frattempo, avevo passato tutte le sessioni di massaggio consigliate.

È stato interessante vedere gli indiani fare il mio massaggio. Come altrove, c’erano quelli che eseguivano diligentemente l’intera procedura e c’erano anche quelli che, si potrebbe dire, stavano scontando una sentenza sotto forma di lavoro. Così, il penultimo indiano che mi ha accarezzato mi ha accarezzato, poi più volte mi ha riempito gli occhi di olio – questo nonostante il fatto che venissi con grande paura, al mio Dio, l’olio mi scorreva negli occhi e di nuovo tutto sarebbe bruciato (a quanto pare sulla mia paura l’abbiamo incontrata)! Ma non accadde nulla: l’edema era completamente addormentato, la pelle divenne liscia.

Con i massaggi, la mia giornata è stata improvvisamente molto tesa: prima, alle 8 del mattino, sono andato al darshan, poi ho fatto colazione, alle 11, sono andato a satsang , poi Ho comprato cibo per pranzo e un massaggio. Sono tornato a casa dalle 15:30 alle 16:00, ho cenato e sono tornato al darshan alle 16:30. Quindi cenare, camminare e dormire. Fortunatamente, nulla è stato affrettato e non ho sentito alcun nervosismo, non ho avuto il tempo di fare qualcosa, di non fare. Tutto andava come al solito, trasformandosi dolcemente l’uno nell’altro e ho apprezzato il lavoro che avevo fatto, che era, se ho capito bene, il più importante!

Ci fu un altro viaggio allo stadio per fotografare il museo in stile cinese e la statua di Hanuman. Come sempre e ovunque qui, mi è stato anche detto che il tempo per le visite era passato ed era impossibile entrare. Il programma era davvero vicino alla porta e, secondo lei, un pisolino, vale a dire un pranzo, stava arrivando a quell’ora del giorno. Ma il programma riguardava il lavoro del museo stesso, ma non avevo voglia di andare al museo stesso, volevo solo andare in giro per il museo! Come sono stato qui un giorno fa e ho sentito la stessa cosa, tranne che il lunedì di solito era un giorno libero, ho deciso di non andarmene prima di entrare. al suo interno. Ho iniziato a chiedere al capo di questo Sevadala , che era in piedi all’ingresso. A cui rispose che non aveva un leader. Ma dopo cinque minuti di ripetizione della parola “capo”, il Sevadal si arrese e mi fece entrare.

Sembra che per aggirare le regole, devi creare le tue regole: puoi, ad esempio, insistere stupidamente su di te e un giorno funzionerà. In generale, a quel tempo, ho visto lo stadio e il museo, così come la statua di Hanuman, Buddha, Gesù e altri. Quando me ne sono andato, vorrei il mio “Grazie, sai ram! persone si sono riunite e hanno anche chiesto al loro interno! Ma dal momento che non erano stranieri, ma indiani, probabilmente rispettavano le regole del loro paese e non potevano raggiungere i loro obiettivi …

Uno degli ultimi giorni, alle sei del mattino, andai alla montagna, dove si ergeva l’albero dei desideri, scattavo fotografie e catturavo lo stato della mia mattinata della città in veglia.

La vista era bellissima, l’aria era limpida e fresca, lasciata nello stadio, gli indiani erano impegnati nello sport, a destra, scorreva un fiume. In generale, l’acqua che apparve nel fiume diede alla città una sorta di aspetto romantico-poetico, divenne più fresca e acquistò qualche novità. Puttaparthi si è appena svegliato: le persone si stavano muovendo per lavarsi i denti per strada. Questo fatto mi ha sorpreso un po ‘, ma ero già abituato a prendere tutto così com’è.

Viaggio in moto in Sri Lanka
Viaggiare in India su una moto