Viaggiare in India su una moto

Cosa potrebbe esserci di più interessante di una corsa a due ruote nella terra di elefanti, baniani e vacche sacre? Il sogno di un simile viaggio eccita il cuore di molti automobilisti. I più ricchi motociclisti consegnano la loro costosa Harley e BMW dall’estero qui. Gli avventurieri del budget comprano un veicolo sul posto. Nella maggior parte dei casi – questo è un classico usato da Royal Einfield “Bullet”, vorace, ma potente.

Secondo la legge indiana, gli stranieri non possono acquistare un veicolo dalle loro mani senza una nuova registrazione o altre formalità. Ma in India, le corde dei “maestri bianchi” sono trascurate, e nei luoghi turistici è possibile acquistare una moto senza documenti, che hanno già cambiato dozzine di proprietari. C’è il rischio di cadere su un controllo di polizia, ma la capacità di sorridere, acconsente penalmente , dice: “Sì, signore, capisco, signore, mi dispiace, signore …” (Sì, signore, capisco, signore. Mi scuso, signore.) La presenza di una banconota da cento rupie di solito risolve tutti i problemi.

L’acquisto di una moto nel nord dello stato di Goa assomigliava a una scena del film “Brother 2”, in cui il protagonista aveva scelto un’auto per un viaggio a New York. “Non guardi il look, sai che tipo di motore ha ?! ” – Mi è stato assicurato da un altro “proiettile” israeliano mezzo morto che vendeva a un prezzo ragionevole. Per qualche ragione, nei luoghi turistici dell’India, il commercio Bulleta è fatto principalmente dai fili mediocri di Sion. Puoi concordare con loro se sei un buon meccanico e puoi controllare che tipo di “Trojan” ti manca. Ho deciso di non rischiare e dopo aver guidato un po ‘uno scooter noleggiato nel quartiere, ho incontrato un venditore australiano. Un sorridente programmatore di Melbourne, che si è presentato a Tony O’Brien, ha chiesto incredibili 35.000 rupie (700 dollari) per un miracolo tagliuzzato.

Il documento relativo alla transazione è stato creato da un pezzo della foglia di tetra su cui è stato affermato: “Io, Tony dall’Australia, ho venduto al russo Grigori questo numero di motocicletta, questo o quello.” Oltre a questo, mi sono stati dati molti altri fogli simili di carta stropicciata, che Tony aveva ai suoi tempi. Purtroppo, la maggior parte della catena venditore-acquirente è scomparsa dalla storia, quindi nulla mi ha collegato al proprietario originale, Burg Luxembourg, 15 anni fa, che ha acquistato e registrato questo dispositivo a Madras. Stavo pensando di disegnare una patente di guida lussemburghese per conto di Photoshop per Burg Luxembourg, ma ho cambiato idea (non tanto per naturale onestà, ma perché non hai un poliziotto indiano, dai 100 rupie al Lussemburgo e non non peccare ).

Il mio acquisto sembrava un ibrido di trattori rurale e Pelin Kin-DZA-dza. Ha emesso i suoni corrispondenti quando (non la prima volta) potrebbe essere avviato. Per dare vita a un mostro metallico, non era meno difficile da manipolare del professor Frankenstein, che anima il suo omuncolo. Inserire e ruotare la chiave di accensione, quindi un’altra chiave del tappo del carburante in basso, aggiungere il momento ruotando il bullone del minimo, utilizzare la leva di plastica per azzerare la freccia dell’amperometro e quindi azionare inizia a pedalare, ora aiuta Vishnu, Shiva e Brahma! Nel pomeriggio, nella calura, la moto era abbastanza in alto, ma al mattino ci è voluto molto tempo “rotolare con un tamburello” prima che il mostro leggesse la contea con il suo ruggito. La prima marcia è in ordine, le tre successive sono giù. Per trovare un “neutro”

L’indicatore di velocità di “miracolo” non funziona. Essendo in linea di principio assente l’indicatore del livello del carburante, è stato quindi possibile determinare la quantità rimanente solo parlando della bici da un lato all’altro. Allo stesso tempo, era severamente vietato riempire un serbatoio pieno perché, durante il giorno, il carburante stava cercando di far bollire e sfuggire al serbatoio e al carburatore in tutte le direzioni, e la sera, i detrattori stavano spurgando benzina .

Ai lati c’erano degli archi metallici per i bauli o le borse dell’armadio – c’erano solo zaini. Attraversando le cavità e le protuberanze, “Bullet” vibrò di metallo, come una mandria di tori precipitati con campane attorno al collo.

La primissima esperienza di guida su strade indiane ha aperto molte prospettive. Ad esempio, il fatto che il turno dovrebbe essere indicato non da un indicatore, ma a mano. In caso di traffico a sinistra, l’indicatore di destra lampeggiante indica il veicolo che stai passando. In generale, questo segno è usato dai camionisti, ma un motociclista può iniziare a raddoppiare quando decide di farlo. Oltre all’assurdità dei segnali, in India, non osservano il numero e la distanza, praticano il doppio sorpasso, ignorano il doppio solido. Prima regola: chi è più forte, ha ragione. E la forza, come sappiamo nei libri di testo, è la massa moltiplicata per accelerazione. In altre parole, se un camion si precipita verso un “contatore”, va bene, ma non tu – basta . Fortunatamente, la velocità in India è ancora inferiore alla nostra, altrimenti il ​​numero di camion e l’emergenza “verde” che li circonda sulla strada sarebbero molto più numerosi. Più in alto degli autobus, solo le mucche hanno la priorità. Sono animali sacri, il che significa che tutti i veicoli devono cedere il passo.

Chiaramente, pochi conducenti indiani hanno frequentato corsi di guida. La mancanza di teoria è riempita da un’abbondanza di pratiche – anche i piloti giapponesi del kamikaze invidieranno l’intrepidezza delle manovre sulle strade locali. Per il più analfabeta, le iscrizioni sono fornite sui lati dei camion. “Stop-segnale” e l’immagine scomoda di una gamba che batte su un pedale – in modo che il prossimo pilota sappia che la luce rossa si accende (se è OK), significa che il camion sta frenando. “Usa il clacson” – se superato, premi il clacson; Non ci sono specchi per il camion o nulla è visibile. La freccia o piastra verde indica che il lato da sorpassare è sulla destra. “Risparmia petrolio, salva l’India” (risparmia carburante, salva l’India), “Evita l’AIDS” (evita l’AIDS), “L’India è grande”

Senza contare troppo sulle regole della strada, i conducenti indiani sperano di poter contare sull’aiuto di potenze superiori. Aggrappati agli amuleti del limone e del peperoncino rosso, decorando le tavole con simboli protettivi e svastiche, sospendendo le pantofole incantate, raffigurante il re demoniaco Ravan che terrorizza gli spiriti maligni o attirando lo sguardo verso il taxi per vedere meglio la macchina e dove andare. All’interno di autobus, camion e talvolta automobili, si installano interi altari con statue di divinità, ghirlande di fiori, luci lampeggianti elettriche e incenso.

A causa della mancanza di distanza, le macchine si toccano continuamente, quindi tutti rotolano con graffi. Ma nessuno è offeso. Perché essere offeso se il karma è così? Comunque, prima o poi, ti stai graffiando.

Per un lungo viaggio, devi scegliere l’ora. La migliore è la mattina, quando le strade sono vuote e il sole non inizia a bruciare, e il pomeriggio fino a 17 ore. Successivamente, è necessario cercare un parcheggio in modo che lo stock di luce diurna sia sufficiente per eliminare guasti imprevisti. È pericoloso guidare di notte. Innanzitutto, gli indiani preferiscono guidare con il raggio di guida incluso, senza pensare ai driver ciechi in arrivo. In secondo luogo, al buio, non puoi vedere pozzi, mucche, elefanti, cammelli, maiali neri (cercando di toglierti i cespugli), ciclisti, trattori carichi di lunghe canne di canne affilate e panche con quattro ruote che occupano tutto il percorso, offensive. venditori ambulanti scuri laminati a casa.

Un altro flagello delle strade indiane: la polizia. Ma non quelli in uniforme bianca, ma avvolti sotto l’asfalto, sdraiati. Si trovano nei luoghi più inaspettati, anche sulle autostrade. La loro forma è arbitraria – piatta a tumuli molto ripidi, su cui puoi facilmente rompere se non li noti in tempo. Passando in questo modo, anche a una velocità minima, colpisci duramente con il fondo.

Lo stato di Goa è famoso per le sue strade strette e tortuose. Quando sono vuoti, è estremamente piacevole guidarli. Ma c’è sempre il rischio che una jeep turistica salti fuori dall’angolo. Questi sono trasportati rapidamente e, di regola, nel centro della strada. È quindi interessante stare alla ricerca. Il resto di Goa è un ottimo posto per imparare a pedalare e per cercare “complici” in un lungo viaggio. Tuttavia, non mi sarei mai perso in bici, preferendo fare un giro leggero con una ragazza, essere in grado di tracciare un percorso nella direzione del mio percorso e non andare da nessuna parte se non volessi andarci.

Accanto a Goa, separato da ghats (creste montuose), è lo stato del Karnataka. Tutto è diverso qui. Molte strade ampie e dirette, più spazio, nessun “giocattolo” della vecchia colonia portoghese. Al contrario, si sente l’ampiezza e il potere della vera India. Bibikat dagli indiani in arrivo, fanali flash e sventola la mano – benvenuto. Per viaggiare in un altro stato doveva pagare. Il poliziotto al confine tra Goa e Karnataka non ha nemmeno esaminato il passaporto tecnico (scritto a nome di qualcuno) oi diritti (i russi, che non erano nemmeno scritti in inglese che lui aveva diritti e non una carta dello studente), immediatamente richiesto assicurazione, certificato ambientale e qualcos’altro che ovviamente non avevo. Temendo la sua responsabilità per aver infranto le leggi del Karnataka, l’ufficiale delle forze dell’ordine disse sottovoce: “Dammi qualcosa di piccolo e vattene!” (Dammi qualcosa e guidare). La “piccola cosa” si è rivelata essere 300 rupie, ma dopo una piccola trattativa, è sceso a 100, la sanzione standard per una violazione minore.

Il primo passo serio del nostro itinerario fu la città di Gokarna , il luogo sacro. C’è un tempio particolarmente riverito associato al lingam (vale a dire il fallo) che si trova in queste aree, che è uno dei simboli del dio Shiva. Tutti vengono a Gokarna : turisti, pellegrini, pazzi. In vacanza, i carrelli del tempio vengono fatti rotolare, su una ruota di cui potrebbero essere collocate diverse motociclette come la mia.

Dopo aver soggiornato a Gokarna , abbiamo iniziato a studiare yoga, convinti che sarebbe stato utile in futuro. Infatti, durante un lungo viaggio, le vibrazioni di una motocicletta possono danneggiare la colonna vertebrale e altre parti del corpo (comprese quelle morbide). Vale la pena fare regolarmente ginnastica e stretching. Oltre a tutti i tipi di asana (posizioni yoga), abbiamo anche provato la meditazione. Quest’ultimo, tra l’altro, aiuta molto ad allenare la concentrazione e l’attenzione, pegno di sicurezza sulle strade insane indiane. Un’altra cosa utile praticata dagli yogi è il lavaggio nasale. Prendi una piccola teiera di plastica con una soluzione salina (un cucchiaino di sale per mezzo litro d’acqua), quindi versa la soluzione nella narice sinistra (fuori dalla destra), poi nella destra. È meglio accovacciarsi. La cavità nasale viene eliminata dalla polvere e dalla fuliggine delle strade indiane. Puoi proteggere il naso dallo sporco con una maschera di garza o una sciarpa di cotone. Senza questa protezione, è difficile viaggiare anche in piccole città e città, è semplicemente impossibile.

Dopo Gokarna c’erano ancora molti luoghi santi – Krishnaite Udupi , Padubidri festoso, Mangalore polveroso, Daramstal collinoso. Nell’ultimo piccolo villaggio visibile (per chi non lo sapesse) – è il santuario dei giainisti, professando una delle più antiche religioni del pianeta. I giainisti, purché non abbandonino il mondo e non si perdano santi, sono molto ricchi. Sono mercanti, gioiellieri, prestatori. Daramstal possedeva diversi grandi hotel gratuiti per pellegrini (compresi stranieri), un museo di auto e moto d’epoca, un museo di carretti del tempio e solo un museo di antichità indiane che avrebbe onorato qualsiasi capitale del mondo. Di nuovo a Daramstale , una locomotiva a vapore fu offerta da uno dei Jainisti (dato che era stata portata qui solo?!) E in aereo. Nel tempio principale sotto il soffitto erano appesi televisori al plasma, in modo che i pellegrini potessero vedere le manipolazioni del sacerdote vicino all’altare, e sulle pareti c’erano immagini e diagrammi che spiegavano come raggiungere l’illuminazione usando diversi tipi di attivazione di yoga e chakra. Non è tanto la ricchezza dei Jain che questi stratagemmi mi hanno intrigato. In quali altri templi puoi vedere il programma di istruzioni personali “Come conoscere Dio in te stesso”? Nella maggior parte dei luoghi in cui ero, invece di istruzioni per la crescita spirituale, venivano appesi i listini dei prezzi per i rituali di esecuzione.

Viaggio in moto in Sri Lanka
La partenza