Vita e affari

Gli indiani sono un popolo spirituale che sente, a mio avviso, assolutamente non materiale. Penso che non stiano solo tradendo le loro teste: stanno cucendo le cose velocemente, orribilmente, probabilmente stanno pensando che se si lacerano, qualcosa di nuovo accadrà. Costruiscono case senza gru (anche se le case non sono molto alte, ciascuna di 4 o 7 piani): costruiscono foreste da bambù e in avanti, manualmente …

Vedendo cosa stessero stirando nelle lavanderie della strada, onestamente sono rimasto scioccato: si tratta di una vecchia ghisa in ghisa, nella quale sono depositate le braci calde. Pertanto, principalmente gli uomini accarezzati. Nelle case, naturalmente, hanno i ferri elettrici, ma come spiegano, l’elettricità è costosa e nelle lavanderie, è necessario stirare molto. Ecco perché usano carboni vecchio stile, è più economico.

Le macchine da cucire, anch’esse antidiluviane, installate in molti negozi, vengono immediatamente cucite. Questo è probabilmente il motivo per cui tutto è così povero.

Mi sembra che gli indiani non abbiano un avverbio “veloce”, i verbi “sbrigati”, “sii in ritardo”. Fanno tutto lentamente, tranquillamente, con sentimento (anche se a volte non posso dire con cosa …). Un americano che vive qui e ha una casa ha detto: “Meglio non guardare come costruiscono, è meglio vedere il risultato finale”.

In particolare, la lentezza e la lentezza si sono manifestate sul posto di lavoro. Per acquistare acqua in bottiglia nel negozio, puoi difenderti per circa 10 minuti senza fare la coda. Dico “Acqua, per favore”. Mi guarda, dice qualcosa alla sua mercanzia, discute qualcosa, lascia, cammina lungo la panchina, parla …

All’inizio, ho aspettato pazientemente che il turno raggiungesse me, ma ho capito che era inutile. Poi urlo di tanto in tanto “Sai ram!” Per ricordarti che sono ancora qui e voglio ancora l’acqua … O forse è una rivolta speciale contro la nostra fretta occidentale …

In effetti, un tale lento, un po ‘di fretta, direi, un sentimento costante, li ho imparati.

Rapidamente, fanno solo due cose: parlano (con gli amici dello stesso dialetto) e guidano. Il traffico stradale è solo una canzone di qualche tipo! Fanno un sacco di biciclette e motocicli, auto-risciò ( micromobiles con un tetto senza porte) sono comuni e solo nei pedicab ashram (una tenda per biciclette). Le macchine corrono, ma sono pochissime pro capite. Fondamentalmente, tutte le macchine sono piccole, strette, così puoi andare sulle loro strade strette. E anche le signore guidano sulle moto!

Le merci, i prodotti vengono trasportati in camion grandi e piccoli, così come in carrelli, manualmente (importati) o trainati da due buoi o bufali. Il primo – bianco con un dosso sul retro, e il secondo – grigio o scuro senza un bernoccolo. Le donne portano sempre il peso sulla testa: le borse vengono semplicemente posizionate sulla testa e le ceste su un supporto speciale. Certo, sembra fantastico!

Il movimento in India è escluso. Non ci sono regole della strada nei villaggi di Puttaparthi ! Per questo motivo, su strade e strade, tutti gli autisti suonano in continuazione, vale a dire circa mezzo minuto, l’autista trova utile indicare ciò che è e diffidare. Il rumore è indescrivibile. A quali segnali anche nelle prime ore del mattino su strade vuote, apparentemente per ogni evenienza. Non solo suonare il clacson all’interno dell’ashram, è severamente vietato, non puoi nemmeno chiamare la bici. Spesso il traffico a sinistra gira improvvisamente a destra, ma dopo un po ‘tutto si stabilizza e si sistema.

Dai segni stradali, ho visto solo una striscia discontinua di separazione in mezzo alla strada con quadrati riflettenti martellati. I segnali stradali non sono stati osservati. Neanche io ho visto la polizia stradale: se non ci sono regole, non c’è nulla da violare.

Il cellulare non è completamente chiaro. È possibile acquistare un numero di cellulare solo in modo informale. Ufficialmente, se ho capito bene, c’è un profi – certificato di lavoro. In altre parole, non è stata detta una parola in proposito su Internet … Beh, vieni in un piccolo negozio, un indiano ti dà un numero che gli somiglia. Una carta SIM costa circa 100 rupie. Puoi anche depositare denaro sul conto dello stesso indiano o di qualsiasi altro venditore di comunicazioni cellulari. Trasferiscono denaro dal loro numero al tuo, prendendo una commissione. Che pagano non solo i turisti, ma anche gli stessi indiani, su cui il numero è decorato in modo abbastanza ufficiale.

Non ci sono macchine di pagamento qui, almeno a Puttaparthi . Sui numeri acquistati arrivano costantemente pubblicità via SMS e ricevete chiamate locali con musica indiana. Tutto questo sembra molto invadente! Proprio come i venditori ambulanti di venditori ambulanti …

In generale, gli indiani nei negozi situati proprio di fronte all’ashram (principalmente immigrati del Kashmir) si concentrano naturalmente sul commercio, sugli stipendi, sugli stranieri che perdono denaro. Il loro comportamento è molto diverso da quello degli altri indiani trovati nelle strade della città, dove iniziano tutte le istituzioni costruite da Sai Baba (stadio, scuole, università, planetario, ecc.).

Commercianti Faccio foto su loro richiesta o senza richieste. Un giovane dalla loro porta ha sparato alla luce di Dio per fotografare, quindi era imbarazzato, non sapeva cosa fare, come comportarsi. Il giorno seguente, apparentemente grato, mi ha invitato alla festa musulmana di Raji a casa sua! Ero un po ‘sorpreso, ho dovuto rifiutare. Il giorno seguente, la festa era visibile per le strade: tutti erano vestiti con abiti eleganti, per lo più bianchi, molti negozi chiusi, gente agitata, frutta tagliente, ecc.

I ragazzi, fotografandoli, sono sull’attenti, in alcuni adulti i volti diventano bluastri, probabilmente, hanno paura. Quando lo osservi, diventa divertente: dopotutto, osservano la stessa cosa con noi quando ci troviamo in una situazione sconosciuta.

A proposito, le scale delle loro case sono spesso incredibilmente strette, a volte alte 50 cm. Ti chiedo come ottieni oggetti, mobili? Gira giù un cavo dall’alto per la strada e lo solleva in aria con un cavo! In generale, abbiamo ripetutamente sollevato l’argomento “La mente non può capire la Russia”. Sembrerebbe che anche l’India significhi essere simile, ma no, tutti sono diversi … Anche al momento hanno il loro “indiano”. Ad esempio, quando se ne andò, Dasha andò a chiudere il magazzino. Scendo tra 20 minuti: lei giura con Sevadals . Dice che il magazzino è aperto, ma non c’è una persona responsabile e gli viene detto: “Probabilmente arriverà presto, è la nostra speciale ora indiana”. Anche se non ci dovrebbero essere pause in questo momento secondo il programma della sala bagagli. Molto probabilmente, significava una pausa extra o qualcos’altro, non sono andato oltre,

A Puttaparthi , gli “affari”, come dicono i locali, sono cattivi. Dopo la morte di Sai Baba, molti stranieri che hanno vissuto qui per un lungo periodo o hanno definitivamente fatto le valigie e se ne sono andati. Ci sono pochissimi stranieri che vengono per un momento: l’ashram è mezzo vuoto, se non vuoto (rispetto agli anni precedenti). Così tanti commercianti stanno già chiudendo i loro negozi e stanno cercando altri posti. Anche chi ha negozi a Bangalore, molti sono vicini, dicono che è costoso lì. Quando, al richiamo del mercante, la gente passa davanti al suo negozio, si torce le mani e grida che la sua attività è finita. Da un lato, è ridicolo, dall’altro – tragico.

Penso per la stessa ragione per cui sono così noiosi. Nella speranza di attirare persone, raccolgono immediatamente tutte le parole russe che sanno: “Ciao!”, “Come stai?”, “Grazie!”, “Entra, guarda! Guarda, non c’è bisogno comprare !!! “,” Ieri hai detto che verrai domani, entra! “Una volta ho persino sentito” Ciao! “e” Buon pomeriggio! “. È chiaro che a queste molestie così attive non piace, a mio parere, non un singolo estraneo … Comunque, queste parole russe con un’intonazione ammaliante sul suolo indiano sembrano semplicemente oscene. Non mi è piaciuto molto. Ho sempre risposto in una sola parola: “Sai Ram!”

La sera, prima della chiusura dei negozi, le strade si trasformano in discariche: i rifiuti dei negozi vengono gettati direttamente in strada. Tutta la notte, è disteso per la strada e incrinato da mendicanti, cani, maiali e forse scimmie si uniscono … Ed è solo al mattino alle 7 in punto che le persone “speciali” lo spazzano: rastrellare i cestini, mentre portano i frutti in testa portarli via. La polvere è incredibile

E i cantieri delle case sono spesso disseminati di detriti tutto il tempo. Sembri questo da una finestra in una stanza, e lì, il parco giochi, probabilmente destinato al parcheggio, è pieno di detriti … Ma curiosamente, con tutto questo, non c’era nessuna sensazione di sporcizia, per paura di sporcarmi, non sono disgustoso, non solo all’ashram, le strade della città sono andate a piedi nudi.

Viaggio in moto in Sri Lanka
Viaggiare in India su una moto