Colonne di Krasnoyarsk

Era lunedì 20 luglio 1998 di mattina.

Mi sono svegliato alle 8:30, mentre stavo lavando, ho fatto colazione, ho parlato con Katya – erano già le 14 ora locale. Kate ha dato una mappa della riserva. Piegò un kit di pronto soccorso, vestiti, una macchina fotografica, una bottiglia di plastica, una tazza e sapone. Ci ho pensato e ho preso più libri in PVP e “VV” nel caso avessi scoperto i stolibisti .

Il percorso a monte è stato mantenuto in buone condizioni. – Le foreste che ci sono passano da una stazione di servizio e dai nuovi russi in jeep, a pagamento. Era abbastanza difficile camminare 5 km, ma ci sono viste molto panoramiche intorno alla strada. Nelle gole della montagna, tutte le piste sono ricoperte da foreste lussureggianti, volano bellissime farfalle, ci sono scoiattoli.

Lungo la strada, attrezzato con aree ricreative, bidoni della spazzatura. Molti poster invocano un atteggiamento cauto nei confronti della natura, specialmente nella riserva. Molti segni speciali segnalano un pericoloso segno di spunta di Entsifalitnom – il profilo di una persona che agita i suoi vestiti e la sua firma: “NON CERCA UN TICK ??” Prima della traversata, i venti della strada e dei pedoni prendono il sentiero chiamato ” Pykhtun “.

C’è un chiosco chiuso sul passo. Apparentemente, al momento di un grande afflusso di turisti, vendono souvenir. Dal chiosco, a sinistra, iniziano i sentieri, lungo i quali ho attraversato la pineta fino ai piedi del primo pilastro.

Il “pilastro” si è rivelato essere una roccia piuttosto grande. Dopo un attento esame, è chiaro che la roccia è composta da singoli blocchi, schiacciati da venti e piogge. Pietre enormi, come cubi di giocattoli giganti, erano poste l’una sopra l’altra, a volte in pose molto inaspettate. La ragione per cui “tutto questo non è” non è crollata da centinaia di anni. Dal periodo zarista, i pilastri sono il luogo preferito dagli scalatori. Ciò è evidenziato da molte iscrizioni come “QUI ERA TU. 1904. e più tardi Ora i pilastri sono una riserva naturale. Puoi salire lì, ma senza accendere un fuoco o installare una tenda. Tuttavia, in estate, puoi passare la notte in molte nicchie sotto le proiezioni, biancheria da letto “per un maggiore comfort” e un tappetino di schiuma.

I pilastri più “popolari” sono modi ben visibili di salire. Nonostante il fatto che nessuno usi allegati o assicurazioni, le gambe e la schiena di Stolbist hanno lucidato la pietra nei posti più pratici. Così, lungo i sentieri “chiari”, ho provato a salire “immediatamente” nel primo pilastro. Dal primo tentativo, sono salito a destra “sulla parte anteriore” fino a metà della posizione. Poi ha strisciato a destra e sinistra lungo lo scaffale, ma ovunque ha attraversato un muro verticale. Ho provato entrambe le parti. Il più riuscito è stato il terzo tentativo. Raggiunsi una piccola grotta da cui le impronte correvano lungo un muro quasi liscio. Con le scarpe di gomma, sarebbe del tutto possibile “farti capire” … Ma io ero in scarpe da ginnastica con suola di plastica, a proposito, molto vecchio e strappato.

Mentre rimprovera le sneakers e “un cattivo ballerino che, come sai, …” scese. Salire sulle rocce in calore – sudore. Ritornato al chiosco. A 100 metri di profondità, c’era una sorgente con acqua molto pulita e fredda. Versò dell’acqua in una bottiglia e se la versò sulla schiena. Anche la maglietta si è sciacquata dalla bottiglia. Lasciandolo, bagnato sulle sue spalle, iniziò a scendere nel cordone di Narym , dove, secondo Katy, c’era un interessante “angolo di vita”. “Corner” si è rivelato essere un serraglio, molti animali, una volta malati e feriti, sono stati rinchiusi in gabbia e ora condannati alla vita dietro le sbarre. Una visita al serraglio è gratuita. Ho camminato nelle gabbie per molto tempo, osservando e fotografando molti gufi, falchi, roditori e predatori. Non lontano c’erano gabbie aperte con volpi, volpi artiche e altri animali. In una grande gabbia, sdraiato su una cabina, un orso stava dormendo.

Era ovvio che lo staff della riserva aveva trattato il loro zoo con grande amore. Anche le iscrizioni sulle celle, che abbiamo visto in ogni zoo, sono state rese molto originali qui.

Ad esempio, in una cella è un ceppo. Dal basso, infila due code rosa. L’etichetta recita: “NON IL MOUSE! Un topo da laboratorio bianco serve onestamente la scienza, pagando le insidie ​​delle sue controparti grigie. “Ricordo un altro segno:” MAIALE DI MARE “Non ha niente a che fare con il mare e i maiali”.

Nella penna più grande dove viveva … un maiale. Se un visitatore si avvicinava al distretto, lei corse verso di lui, sfregò il cancello e ringhiò, come se stesse parlando con un ospite.

Gli uccelli erano anche molto intimidatori e si lasciavano fotografare molto da vicino. È una sfortuna che la mia macchina fotografica, la “scatola di sapone” di Kodak, non permetta di scattare “a bruciapelo” e che non tutte le immagini siano di alta qualità.

Di tanto in tanto, intorno alle cellule, incrociava gli occhi di un topo. Lo staff del serraglio spiegò che in inverno i topi rosicchiavano la gabbia e, dopo essere fuggiti in natura, avevano incrociato ratti grigi locali. Oggi, anche durante il giorno, i visitatori possono vedere i topi “in libertà”, i colori più colorati e il più inaspettato.

Salutando, ho intervistato gli “allevatori” sui pilastri. Secondo il loro consiglio, valeva la pena iniziare una “conquista” con la quarta colonna, perché la vista da essa è la più bella ed è più facile arrivare lì che sugli altri.

Si arrampicò oltre la molla del passo, camminò a destra del primo pilastro imbattuto e si diresse verso il quarto.

Qui, sulla mia strada, sembravano rocce. Salgo velocemente e vedo … che il quarto pilastro è più lontano e sono su altre rocce. Si alzò, trattenne il respiro e scese di nuovo. Ecco il quarto tanto atteso. Si arrampicò fino a due terzi e vide qualcosa che assomigliava a una grotta – un groviglio di grosse pietre, tra le quali rimane uno stretto tombino verticale. Questo divario ha portato direttamente al vertice. In pochi minuti, ho fotografato “VV” e il PvP come sfondo per il magnifico paesaggio dei pilastri circostanti.

La vista era davvero bella – tutto intorno alle colline ricoperte di pinete, come le onde dell’oceano verde. Tra queste foreste, enormi pietre grigie, come guerrieri epici di pattuglia. In questi momenti, rimpiangi di non essere un artista o un poeta.

Stando in cima al quarto pilastro, ho notato che il secondo è sempre più alto degli altri. Il sole è ancora abbastanza alto e sarà molto offensivo se non provo nemmeno a scalare il secondo pilastro!

Molti sentieri conducevano da un pilastro all’altro. Ho iniziato a scavalcare la seconda a sinistra, finalmente ho visto un passaggio. Mi sono alzato e ho realizzato, guardando la mappa, che ero in cima a un altro masso chiamato Mithra. Tra Mithra e il Secondo c’era uno stretto passaggio sul quale improvvisamente sentì la musica. Si è scoperto che sul muro ovest, proprio sul bordo dell’abisso, i ragazzi erano seduti e ascoltavano il registratore.

Questi ragazzi non solo mi hanno fatto una foto con la mia macchina fotografica, ma hanno anche suggerito il modo migliore per salire fino in cima. Il sollevamento è stato molto difficile per me. Dove, a giudicare dalle piste, i Stolbists stanno camminando in tutta la loro altezza, ho dovuto strisciare “in raskoryachka ” su quattro arti. Alla fine, mi sono trovato su un certo “altopiano” sul lato ovest. Il sole ha già toccato l’orizzonte, ma non riesco ancora a indovinare dove salire ulteriormente.

Alla fine, vidi due enormi lastre che, convergenti quasi ad angolo retto, formavano una fenditura verticale larga da 15 a 20 centimetri. Lungo questo spazio, lungo piatti perfettamente lisci, si allunga una pista brillante. Molti alpinisti hanno lucidato le tavole con i loro “quinti punti”. Dopo aver bloccato il mio corpo tra i piatti, ho scoperto che i miei glutei erano esattamente su questa “pista”. Quindi sono sulla strada giusta! Ora dobbiamo scivolare. E qui sono su una piattaforma quasi in cima. Su tre lati c’è un abisso intorno a me sul quarto lato – un’altra roccia alta un metro e mezzo. Ma il percorso per questa roccia è lungo il “cavallo”. Questo è simile alla cima di un tetto del villaggio, dove invece di ghiaia ci sono lastre di pietra. Ci sono 13 passi rimanenti e sei in cima.

Con le scarpe di gomma, con un po ‘di coraggio, questo può essere fatto, ma le mie gambe, su una suola di plastica dura … si spostano lateralmente!

Per volare, comunque, 300 metri in qualsiasi direzione …

Dopo aver valutato i pro ei contro, ho deciso che avrei preferito seguire questi passaggi la prossima volta.

Dopo aver ammirato il panorama e aver scattato alcune foto della serie “I pilastri nei raggi del sole al tramonto”, sono sceso allo stesso modo, ma con molto più sforzo.

Solo in primavera, mi ricordai che quel giorno non avevo mangiato. La fatica si è immediatamente rotolata. Ma era la fatica “soddisfatta”, “scaldare l’anima”.

Mentre camminavo lungo la strada per tornare al primo Cordon, un’auto straniera venne ad incontrare turisti facoltosi. La macchina rotolò e io mi sentii girare la testa dall’inalazione dei gas di scarico. ” Aha !” Ho pensato: “Sembra che io sia intossicato dall’ossigeno”. Come voterò in pista dopo quest’aria riservata?!

Per cena, ho scaldato il porridge di grano saraceno.

Il 21 luglio, mi sono incontrato nella stessa soffitta di quella del guardaboschi. Mi sono svegliato alle 10-30 ora locale . “Dopo ieri”, articolazioni gravemente ferite. Terminata la colazione, si sedette con Katya per compilare una descrizione dei pilastri della “Enciclopedia Libera”. Detto addio, ha dato all’ospedale padroni di casa PVP e “Free Wind”. A proposito, Katerina si è offerta di “stare di nuovo con loro, cavalcare gli altri pilastri”, ma ero impaziente di continuare il mio viaggio.

Prima di partire, abbiamo fatto delle foto sul portico della casa.

Fino a quando la pista ha funzionato facilmente. Ha iniziato a posizionarsi e votare per la centrale idroelettrica di Krasnoyarsk . La prima macchina, la Niva , stava andando a Divnogorsk. Lì, alla svolta, ho fermato un camion di cemento, che stava guidando molto vicino alla base. Ma, ancora guidato alla stazione idroelettrica. Salutammo l’autista alla porta e lui si voltò e andò nella direzione opposta.

Ho fatto una foto della diga al piano di sotto e ho deciso di provare a ispezionare la centrale idroelettrica dall’interno. La guardia e la porta mi hanno mandato all’ufficio passaporti. Era un edificio bianco a due piani, non lontano dalla fermata dell’autobus. Lì, mi hanno detto che “questi problemi” sono decisi dal deputato. Capo degli affari generali.

– Buon pomeriggio . Sono così e così. – Mi sono presentato a ZNPoOV .

– Cosa volevi?

– Perché, ho pensato che sarebbe stato sbagliato essere a Krasnoyarsk e non vedere la tua famosa centrale idroelettrica.

– Quindi devi chiamare 1-00. Ci deve essere un uomo di nome Igor. È impegnato in visite a centrali idroelettriche. Senza questo, non sarà permesso.

– Grazie, sto chiamando ora.

– Solo in fretta, ha un giorno lavorativo fino a 17 ore. E dopo 17 anni, nessuno è autorizzato nella centrale idroelettrica!

L’ora locale era venticinque. Nessuno ha risposto al telefono. Molto probabilmente, Igor è già tornato a casa.

Un po ‘turbato, ho lasciato l’edificio del Pass Office. Ora volevo fare una foto di dove il disegno è stato preso dalla banconota da dieci rubli. Il pendio della montagna era roccioso e in rovina. Anche se ho nascosto lo zaino tra i cespugli sottostanti, sono salito a lungo, facendo cadere piccole gocce di pietre di tanto in tanto.

La vista dall’alto mi ha deluso perché il sole al tramonto brillava negli occhi e la foto si è rivelata di scarsa qualità.

Mentre scendevo, presi l’ondata di macchine su cui i lavoratori della centrale idroelettrica andarono a casa.

Durante la salita, ho sudato molto e mi sono addormentato nelle schegge. Ora, per avere un aspetto “decente”, hai dovuto nuotare. Yenisei per questi scopi non corrispondeva, perché l’acqua drenata negli strati inferiori del serbatoio era molto fredda, dell’ordine di soli +6 gradi.

Il primo autista si fermò vicino a me e disse che non poteva portarmi in città perché stava andando a Mana. Mana è un fiume, dice, molto favorevole al nuoto.

L’autostrada passò per Manu. Dal ponte potevi vedere un sacco di persone fare il bagno. L’acqua era abbastanza calda, limpida. Era imbarazzante solo entrare in acqua su rocce con una forte corrente.

Mentre nuotavo, ho notato che la gente del posto, arrivata in auto, è andata a fare il bagno in apposite galosce di gomma (pantofole?) Per non ferire le gambe. Sono stato anche sorpreso di scoprire che molte persone facevano il bagno con salviette e shampoo.

Sono stato fortunato, ora vado a Vpiska , vado a lavarmi sotto una doccia calda. E cosa sono, a casa non può essere paziente per lavarsi bene?

Dopo aver spruzzato, ho messo un asciugamano e una maglietta lavata sulla pietra. Si è impegnato nella riparazione delle scarpe da ginnastica, che stavano cadendo a pezzi – e sembrava perso.

Dopo circa un’ora, ha “assemblato il monatki ” e ha votato di nuovo in città. Questa volta, il guidatore della Toyota stava arrivando in centro. Lungo la strada, gli ho chiesto dove, a suo parere, posso chiamare gratuitamente? L’autista mi ha fatto scendere vicino a un dormitorio e ha detto consapevolmente:

– Qui alla guardiola c’è un telefono. In realtà, non è consentito chiamare gratuitamente. Ma tu spieghi chi è, loro ti permetteranno.

– Grazie, lo farò.

L’autista aveva assolutamente ragione. Vakhtersha mi ha consegnato il telefono con impazienza, proteggendoli dal cartello “SERVIZIO TELEFONICO!”

Ho iniziato a chiamare gli elenchi telefonici, che mi sono stati inviati nei pilastri. Sfortunatamente, nessuno dei potenziali “ispettori” era a casa – tutto era in campagna o in un viaggio in canoa sull’Uomo.

Ringraziando per il telefono, stavo per partire. All’improvviso, il cameriere, che aveva ascoltato i miei discorsi, propose di integrare … casa! Ho chiesto, “Perché dovrebbe essere?” Wakhtörsha ha semplicemente spiegato: “Beh, devi passare la notte da qualche parte, lavarti, rilassarti …” Ha iniziato a telefonare a casa per spiegare a sua figlia: “… sì, turista di Mosca. .. sì no, non pericoloso … … non un gangster, ti dico … vai ora, lo saprai – lo saprai … ”

Scrivendo su un foglio di carta, ci fermeremo nell’appartamento giusto.

La figlia del cameriere, Alyona , aprì la porta. L’appartamento era anche sua amica, che ricordò subito che mi aveva già visto domenica notte, quando chiesi ai passanti di andare ai Pilastri.

Bene, qui. Una città così grande e già nelle strade ha cominciato a imparare …

Prendendo un asciugamano bagnato, andò in bagno. Grazie! Una corrente fredda scorre dal rubinetto e nessuna traccia di acqua calda …

– Alena, perché non c’è acqua calda?

– Ed è passato molto tempo.

– Cosa significa “lungo tempo”?

– Sì, per diversi mesi. E probabilmente fino a quando l’inverno non lo è.

– E come ti lavi?

– Sì, tutti sono abituati. Chi va a Manu, che si sta scaldando alla dacia … Molte persone si lavano il freddo …

– Sì, ha ragione Yenisei, immagino. Le dita sono già intorpidite!

– E cosa puoi fare …

Ho dovuto fare il bagno sotto una doccia ghiacciata, ricordando la mia mancanza di attività sull’uomo, dove tutti erano immersi nel sapone e io mi sono preso per “selvaggio”. Si scopre che sono “cauti” e che io sono “stupido”.

Dopo una doccia, il mio appetito mi ha immediatamente svegliato. Mi chiedo dove abbia dormito tutto il giorno?

Il grano saraceno era cotto bene. Le ragazze mi hanno fatto compagnia di tè. Dopo cena, Alena andò a preparare l’esame di domani all’Istituto e io mi sedetti per scrivere un diario.

Nella regione di Irkutsk Taishet
Sulle locomotive – più veloce ?