Ai margini dei minatori in sciopero

Alzati alle 8:30. Patate per la colazione Sono uscito per strada, sto lasciando la città con un systop . Sostituendo due auto “in direzione di Kemerovo”, mi sono ritrovato in una lunga strada sul lato destro della quale si estendono le auto vendute. Digitare il mercato “nero”. L’autostop è stato anche ostacolato dal fatto che alla fine della strada c’era un enorme mercato e tutte le auto vi si dirigevano. Ho già percorso una buona distanza e il mercato non si ferma qui. Alla fine presi lo ZIL, che avevo lasciato alla fine del mercato, alla stazione di uscita della polizia stradale. Sfortunatamente, fu un viaggio a Leninsk-Kuznetsky , non a Kemerovo-Krasnoyarsk. Dovevo fermarmi al mercato e da lì, su altre quattro macchine, all’uscita giusta della città. Ho perso molto tempo. Un’ora dopo, era ancora sulla “buona” stazione della polizia stradale. Una bacheca elettronica si trova nelle vicinanze. La sua testimonianza era la seguente: P-736, 11:38, 23 ° C.

Prese immediatamente lo ZIL con assi di 30 km, che mi condussero al villaggio di Sokur alle 9:10. Dieci minuti dopo, mi sono seduto in una macchina straniera, con aria condizionata e aria condizionata. Peccato che non abbia guidato fino alla prossima stazione di polizia stradale. Lì sono riuscito a portare la Toyota Corolla a Yurga . Alle 10h50, l’auto si gira a Yurga , passo davanti alla stazione di polizia stradale, che è anche una sorta di “dogana della regione di Kemerovo”. Un autista ha riferito, a quanto pare, dieci rubli a tutte le auto. Ci sono già pochissime macchine, tuttavia, non ho tempo di andare alla fine del post perché prendo il Volga nero che va alla fattoria statale Arlyukovsky .

E ora, stai nella svolta della fattoria statale. Nonostante il fatto che il confine delle regioni sia già alle spalle, qualcosa non è aumentato. Notare l’ acqua brillare nelle vicinanze. Sono andato giù alla cavità e ho visto una specie di serbatoio. Subito scalato la nuotata. Il fondo si è rivelato viscoso. Mi sono arrampicato nel fango su una cosa affilata, voglio togliermi la gamba e il secondo in quel momento sprofonda ancora di più nel fango. Mentre stavo “calpestando” il piede, ho gettato un pezzo di carne decente. Dovevo fornire il primo soccorso:

1. Hai un kit di primo soccorso.

2. Sanguinare un po ‘di sangue sporco.

3. Risciacquare con acqua.

4. Rimetti la carne nella ferita (è un peccato buttarla via!)

5. Ho trattato i bordi con cotone e iodio

6. Presi una compressa di streptocidi , la schiacciai con un coltello e versai la polvere su una garza.

7. Metti tutto questo sulla ferita e metti una benda sul dito.

8. Indossare calzini puliti, indossare scarpe, inciampare in pista.

Fa male stupido – c’è sicuramente della sporcizia nella ferita. Mi sono alzato sulla strada, fermando KAMAZ con il cartello “ASFALTO” dietro il parabrezza. Il giorno dell’autista era finito e andò nel villaggio di Topki, “a casa di mia suocera per i pancake”. Intendevo raggiungere Kemerovo. Prima di raggiungere i 27 km, KAMAZ è entrato nel villaggio, lasciandomi alla rotonda. Sono rimasto lì per 45 minuti, ma ho preso una Toyota veloce. I giovani stavano tornando da Novosibirsk a Kemerovo. Lavorarono alla maionese e decisero di farmi vedere perché dovevano scaricare sacchi di additivi dal torace. Era domenica e non potevo provare la maionese “calda”, ma ho guardato il negozio, dove la maionese viene prima bollita, poi rotolata nelle banche e conservata in un grande frigorifero.

Dopo il “tour”, mi è stato dato un “viaggio turistico” in giro per la città e portato al pronto soccorso perché l’infortunio mi ha comunque fatto sentire a disagio.

Contrariamente alla credenza popolare, non era necessario né un passaporto né una polizza assicurativa. Il medico di servizio ha solo chiesto:

– Hai delle bende?

– C’è. – Ho detto sorpreso. – Solo non sterile.

– Niente, vai.

– E come aiuti quelli che non indossano le bende ?!

“È così che rendiamo …” rispose il dottore misteriosamente.

Poi mi è stata fatta un’iniezione di tetano, ho lavato la ferita con asciugamani con una soluzione di perossido di idrogeno e ho messo una benda sull’intera gamba dopo aver usato tutta la benda. Al momento della separazione, mi hanno scritto un certificato: “questo aiuto è stato fornito in relazione alla lesione del cuoio capelluto del dito sul piede destro …” ed è stato consigliato di applicare questo certificato ad un centro medico in per quanto riguarda la medicazione (Dirò subito che la benda non era più necessaria). Tre giorni dopo, la benda “scivolò” e mi convinsi che la ferita non era infetta, l’ho afferrata con una benda battericida e … Sono salito sulle rocce dei pilastri di Krasnoyarsk , ma a questo proposito, a turno.) Ho chiamato l’unico della mia lista a Kemerovo. Ma un certo Oli non era a casa. La Toyota mi stava aspettando all’ingresso e alle tre e mezza sono stata portata alla stazione di polizia del traffico.

L’ora locale era già alle sette e trenta – affari notturni! Dopo aver stretto la mano per quaranta minuti e senza fermare nessuno dei veicoli a distanza, ho deciso di fare un “pranzo” vicino al chiosco, dove stavano vendendo panini caldi con bevande. Dopo aver chiesto acqua bollente, ho preparato purè di patate e tè, ho comprato una torta calda con prosciutto, ketchup e formaggio. Rilassato in una sedia di plastica al tavolo, mangiò tutto. Terminato il pranzo alle 17:00, ha immediatamente fermato la Jeep Toyota a Mariinsky . Al volante, un ex medico militare e suo figlio. Sulla strada, l’autista raccontò come si guadagnava da vivere comprando pelli di animali in Mongolia e in Cina e producendo cappelli invernali con sua moglie. Abbiamo parlato molto della durezza della natura siberiana, delle cattive maniere degli abitanti dell’Altai, dei grandi cantieri e dei campi di Stalin. Siamo arrivati ​​a Mariinsk al tramonto. Su consiglio dell’autista, sono andato alla mensa della ferrovia. “La cena” di zuppa di piselli, grano saraceno con schnitzel e kefir con pane mi è costato 5p. 10kop

La stazione di Mariinsk era molto vicina. Riscrivendo i tempi del treno, ho cercato di andare al benzinaio. Viste le ore tarde e l’assenza di un treno, la porta sull’edificio destro era chiusa a chiave. Interrogando altri lavoratori delle ferrovie, ho scoperto che i loro treni merci non andavano in nessuna direzione a causa del picchettaggio dei minatori ad Anzhero-Sudzhensk . Quindi non avevo nulla da catturare alla stazione.

A piedi, nella città assonnata, raggiunsi la stazione di polizia stradale sull’autostrada. Sulla sinistra, ho trovato una bella radura tra i cespugli, ho montato una tenda e sono andato a letto alle 8:30.

Nella regione di Irkutsk Taishet
Sulle locomotive – più veloce ?